Un Atto di Psicomagia

alejandro-jodorowsky-tarot-filmes-quadrinhos-pan

[…]
Sono profondamente convinto della magia della realtà.

Perché abbia effetto, però, ognuno deve coltivare dentro di sé una serie di qualità che possono apparentemente sembrare in contraddizione, come per esempio: innocenza, autocontrollo, fede, audacia… Attivare la magia richiede molto coraggio, anche una certa purezza e un profondo lavoro su se stessi. Vorrei insistere sul fatto che ho dedicato la vita a perfezionarmi, a conoscermi, a rendermi disponibile interiormente. E’ indispensabile non desistere mai nella pratica della disciplina, senza la quale questa concezione dell’esistenza non sarebbe altro che un’illusione.
La vita non sta ad aspettare i desideri del primo pigro di turno!
La vita non ti risponde se non nella misura in cui ti abbandoni ad essa e ti sforzi di superare il tuo egocentrismo.[…]

[…]
Posto che sogniamo la nostra vita, dobbiamo interpretarla e scoprire ciò che sta tentando di dirci, i messaggi che intende trasmetterci, fino a trasformarla in un sogno lucido. Una volta acquisita la lucidità, saremo liberi di intervenire sulla realtà sapendo che se ci limitiamo a occuparci dei nostri desideri egoistici, saremo travolti, perderemo l’imparzialità di giudizio, il controllo e, di conseguenza, la possibilità di compiere un atto vero. Per poterci divertire comportandoci in questo modo, dobbiamo farci coinvolgere sempre meno sia dal sogno notturno sia da quello diurno che chiamiamo vita. […]

[…]
I problemi che abbiamo sono solo quelli che desideriamo avere. Siamo legati alle nostre difficoltà. Non bisogna stupirsi se qualcuno tergiversa e si ingegna su come sabotare l’atto: in realtà non vuole davvero curarsi. […]

[…]
Risolvere i nostri problemi implica modificare profondamente la relazione con noi stessi e con tutto il nostro passato. Date queste premesse, chi sarà veramente disposto a cambiare? La gente desidera smettere di soffrire, è vero, ma non è disposta a pagarne il prezzo, a cambiare, a cessare di definirsi in funzione delle sue adorate sofferenze. […]

Alejandro Jodorowsky