Sulle pareti della Cueva de las Manos (grotta delle mani) in Argentina,

sono impressi palmi di tante mani…ma di chi sono?
Le impronte sarebbero state lasciate più di 10 mila anni fa, probabilmente da un gruppo di adolescenti.
La maggior parte delle mani sono sinistre, il che suggerisce che i “pittori” tenessero gli strumenti che spruzzavano l’inchiostro con la destra. Le dimensioni delle mani sembrano quelle di un ragazzino di 13 anni ma, considerando che probabilmente esse sono più piccole di quanto non fossero in realtà, si pensa che le mani appartenessero a persone di qualche anno più vecchie: in questo caso potremmo trovarci di fronte ad un rito, lasciare l’impronta della propria mano sul muro della caverna (probabilmente sacra) poteva significare il passaggio dall’età infantile all’età matura.

Nel 1999 la Cueva de las Manos è stata inserita nell’elenco dei Patrimoni dell’umanità dell’UNESCO.

Cueva-de-las-manos
Apparterrebbero ad alcune donne preistoriche, invece, le mani fissate sulle pareti delle grotte francesi di Peche Marle e Gargas.
Secondo gli archeologi potrebbe essere una forma di arte primitiva e le proprietarie delle mani le prime artiste donne della storia, vissute circa 25 mila anni fa.

grotta-300x202

Fonte: www.focus.it