QUANDO AMORE VIENE A TROVARCI

C’è una bella antica leggenda di un rabbino.
Uno studente andò da lui e disse: “Nei tempi passati vi furono uomini che videro Dio in faccia. Perchè questo non succede più?” il rabbino rispose: “Perchè oggi nessuno sa chinarsi tanto.”.

Bisogna chinarsi un poco, per attingere l’acqua dal fiume.”
Carl Gustav Jung – Ricordi, Sogni, Riflessioni


Nell’Amore vi è la misura della vera umiltà umana. Solo qui, si esprime tutta l’umiltà che un individuo possiede verso le proprie ombre. E’ l’umiltà di accettare che quando Amore viene a trovarci non è più l’Io solamente a decidere e a fare da bussola, ma è anche e soprattutto questa forza cosmica e potente chiamata Amore. Ci vuole umiltà per abbracciare qualcosa che è più grande di noi.

Amare ed essere amati ha una stretta relazione con il coraggio di vivere e sentirsi vissuti. Ci vuole un certo coraggio in ogni relazione amorosa, perché come ci ricorda Carotenuto

“il coraggio o la paura di aprirsi esprimono il coraggio o la paura di conoscere intimamente se stessi.”

Perché “l’amore ha non poco in comune con la morte”
Jung

Per amare si devono sacrificare infatti parti di sé, lasciarle morire riconoscendone al di sotto parti sorgive più naturali, che sono più proprie ma anche più impersonali, perché più vicine al proprio Sé.”

Laura Luxardo