Poche parole, colme di significati.

Sappiamo che un’ antica e vera concezione, che deve soltanto essere rettamente intesa, parla del fatto che con la fine dell’anno solare, quando si avvicina il Natale, vengono i giorni nei quali è della massima intensità l’influsso spirituale sugli uomini che può aver luogo entro la sfera terrena.

Per secoli questo periodo fu importante ed essenziale per gli uomini, mentre nel nostro tempo non serve quasi più che a fare “regali di convenienza”; cerchiamo invece, proprio in questo periodo secondo un’antica usanza delle anime, il nostro rifugio presso le antiche potenze spirituali che possono ancora esercitare un influsso anche sul nostro destino umano e facciamolo lasciando agire sulle nostre anime la serietà insita nel rapporto del mondo spirituale con il mondo umano.Rudolf Steiner, La missione di Michele,
(Conferenze tenute a Dornach dal 21 al 15 dicembre 1919)
Editrice antroposofica 1981, pag.: 142.In queste conferenze, le argomentazioni esposte dal dottor Steiner ad un pubblico che stava attraversando l’esperienza dolorosa della prima guerra mondiale, come sempre, stupiscono per la loro attualità, malgrado siano ormai trascorsi quasi 100 anni!