PESACH – CONNETTERE LA NOSTRA CONSAPEVOLEZZA AI PENSIERI DEL CREATORE

di Michael Berg

C’è un verso che Rav Ashlag usava molto spesso, e che anche Rav Brandwein usava nei suoi insegnamenti con mio padre, Rav Berg. È un versetto che dice che il Creatore pensa sempre a come un individuo non si perda mai sia che si trovi in uno stato di oscurità, disconnessione o mancanza. Il Creatore pensa costantemente a noi e trova costantemente modi per rimuovere la nostra mancanza e connetterci a una maggiore Luce e maggiori benedizioni; questo processo di pensiero è quasi come un GPS.

Quando utilizziamo il GPS e prendiamo una strada sbagliata, il GPS impiega alcuni momenti, ricalcola e quindi ci offre un altro percorso. E questo è ciò che il Creatore fa per noi, tutto il giorno, tutto il tempo. Quando ci svegliamo la mattina, il Creatore dice: “Questa è la tua strada: se vai in questa direzione, fai queste cose, limitati in questi modi e condividi in questi modi, la tua giornata sarà riempita solo di Luce e benedizioni.” Ma se non siamo collegati ai pensieri del Creatore e prendiamo la strada sbagliata, il Creatore non si arrende. Proprio come il GPS, il Creatore ricalcola semplicemente, creando nuovi pensieri per noi per riportarci sul sentiero delle benedizioni. E più siamo consapevoli che sta accadendo, più diventa reale per noi e più siamo connessi ad esso.

Pertanto, quando entriamo nella Finestra di Pesach, dobbiamo volere e chiedere che la nostra mente e la nostra consapevolezza siano connesse ai pensieri costanti del Creatore. Vogliamo connetterci alla certezza che se prendiamo le decisioni giuste o sbagliate, il Creatore ricalcola sempre e crea pensieri a nostro vantaggio, creando nuovi pensieri per portare Luce e benedizioni nelle nostre vite.

Rav Ashlag scrive questo concetto ai suoi studenti, dicendo: “Quando qualcuno viene da me con un problema, o con una mancanza, la prima cosa che faccio è chiedere alla Luce del Creatore di dare loro il pensiero di come risolverlo. Non voglio essere la persona che li corregge, o addirittura dà loro una direzione, chiedo al Creatore di dare a quella persona il pensiero di aggiustarla, perché quando il Creatore ti sta dando il pensiero, anche se non capisci o non l’ha ancora ricevuto, già ha effetto.”

I pensieri del Creatore ci influenzano anche se non li comprendiamo ancora completamente. E questo accade a Pesach. Pertanto, vogliamo connettere la nostra consapevolezza alla consapevolezza del Creatore, a quei pensieri che il Creatore ha per noi ogni mattina quando ci svegliamo, sapendo che anche se cadiamo o facciamo un errore, il Creatore sta ricalcolando la  nostra giornata in modo che ancora una volta, c’è lì un sentiero per la Luce e le benedizioni.

Quindi, il nostro punto di partenza quando giungiamo a Pesach è dire al Creatore: “So che stai costantemente pensando ai modi per portarmi Luce e benedizioni, e voglio vivere costantemente connesso ai tuoi pensieri”. Perché è è così importante avere questa consapevolezza durante Pesach? Perché non c’è nessun altro giorno dell’anno in cui i cancelli sono così aperti per noi da attingere a ciò che vogliamo o di cui abbiamo bisogno, senza aver bisogno di guadagnarcelo. Pesach, nelle parole del grande kabbalista Rav Avraham Azulai, è un dono. A Pesach, tutte le porte possibili sono aperte per noi per ricevere ciò che ci manca, per ricevere Luce e benedizioni in ogni area della nostra vita. Ma per ricevere queste cose, dobbiamo impegnarci a vivere con i pensieri del Creatore.

Questo è un insegnamento, tuttavia, non solo per Pesach, ma anche da Pesach in avanti in ogni giorno della nostra vita. Possiamo andare verso Pesach costantemente consapevoli che il Creatore ci pensa ogni secondo di ogni giorno, ricalcolando ogni volta che prendiamo una strada sbagliata per riportarci all’opportunità in cui possiamo ottenere quella benedizione o quella Luce. E se siamo onesti con noi stessi, non importa quanto siamo spirituali, o se quando ci svegliamo la mattina facciamo le nostre connessioni, spesso dimentichiamo che c’è una fonte molto più potente che sta pensando al nostro beneficio. Non stiamo solo cercando di connetterci e portare benedizioni nella nostra vita; c’è questa Luce incredibile che può trovare risposte a qualsiasi cosa. E il modo di connettersi a quelle risposte e a quella direzione è sapere che è disponibile e sta accadendo.

Questa non è una lezione che semplicemente vogliamo sentire. È una lezione per cambiare le nostre vite. Essere connessi ai pensieri costanti del Creatore per noi è possibile e, se lo comprendiamo davvero, è estremamente stimolante e potente. Possiamo andare avanti, iniziando ogni giorno a chiedere di connetterci ai pensieri del Creatore, dicendo:

“Voglio, oggi, connettere la mia consapevolezza ed essenza ai pensieri del Creatore, in particolare i pensieri costanti che il Creatore ha a mio beneficio.”

A Pesach, se ci impegnamo, desideriamo e chiediamo ciò, possiamo connettere la nostra consapevolezza e i nostri pensieri ai pensieri che il Creatore ha costantemente per noi, non solo durante Pesach, ma sempre.

 

Fonte: http://kabbalahcentre.it/michael-berg-blog/connettere-la-nostra/

Le Vie della Kabbalah Le Vie della Kabbalah
Storia, tradizioni e pratiche della mistica ebraica
Perle Epstein

Compralo su il Giardino dei Libri

Meditazione e Kabbalah Meditazione e Kabbalah
Le tecniche meditative utilizzate dagli antichi kabbalisti
Aryeh Kaplan

Compralo su il Giardino dei Libri

La Kabbalah e i 72 Nomi di Dio La Kabbalah e i 72 Nomi di Dio
Uno strumento antico per attuare su di sé una grande rivoluzione fisica, emozionale e spirituale
Yehuda Berg

Compralo su il Giardino dei Libri