Perché si usa bruciare le candele e l’incenso?

Nelle chiese e nei templi è usanza accendere ceri e bruciare incenso. Perché? Perché la candela e l’incenso che bruciano sono il simbolo del sacrificio, ovvero la trasformazione di una materia bruta in una materia più sottile: luce e profumo. La luce e il profumo che accompagnano le preghiere dei fedeli e che si innalzano fino al Signore, rappresentano quello che i fedeli devono bruciare in se stessi per essere ascoltati.

Nessuna delle azioni che l’uomo compie durante la sua vita è frutto del caso; anche quelle che sembrano insignificanti contengono un significato profondo. Perciò, ogni volta che accendete una candela o un fuoco, dovete rimanere colpiti dalla profondità di quel fenomeno che è il sacrificio e pensare che, per avere accesso ai piani superiori dell’anima e dello spirito, occorre sempre bruciare qualcosa dentro di sé. Ci sono talmente tante cose che si sono accumulate dentro di noi e che possiamo bruciare! Tutte le impurità, tutte le tendenze egoistiche, passionali… Ecco la materia che dobbiamo bruciare per produrre una luce che non ci abbandonerà mai. “

Omraam Mikhaël Aïvanhov




L'Acquario e l'Arrivo dell'Età dell'Oro L’Acquario e l’Arrivo dell’Età dell’Oro

 

Omraam Michaël Aïvanhov

Compralo su il Giardino dei Libri

Le parabole di Gesù interpretate dalla scienza iniziatica Le parabole di Gesù interpretate dalla scienza iniziatica

 

Omraam Michaël Aïvanhov

Compralo su il Giardino dei Libri

Nuova Luce sui Vangeli Nuova Luce sui Vangeli

 

Omraam Michaël Aïvanhov

Compralo su il Giardino dei Libri

Granello di Senape Granello di Senape

5° Edizione

Omraam Michaël Aïvanhov

Compralo su il Giardino dei Libri

In principio era il verbo... In principio era il verbo…

 

Omraam Mikhaël Aïvanhov

Compralo su il Giardino dei Libri

 

Storie di Ordinario Risveglio Uno Editori Storie di Ordinario Risveglio
12 voci in coro raccontano il miracolo della trasformazione nella vita
Roberto Senesi, Ivan NossaCompralo su il Giardino dei Libri