Lo sviluppo dovrebbe essere a favore della felicità

Uruguay_VisitaMujica

“Veniamo alla luce per essere felici. Perché la vita è corta e se ne va via rapidamente.
E nessun bene vale come la vita, questo è elementare.
Ma se la vita mi scappa via, lavorando e lavorando per consumare un plus e la società di consumo è il motore,
perché, in definitiva, se si paralizza il consumo, si ferma l’economia, e se si ferma l’economia,
appare il fantasma del ristagno per ognuno di noi.
Ma questo iper consumo è lo stesso che sta aggredendo il pianeta.
I vecchi pensatori – Epicuro, Seneca o finanche gli Aymara – dicevano:

“Povero non è colui che tiene poco, ma colui che necessita tanto e desidera ancora di più e più.”

Queste cose che dico sono molto elementari: lo sviluppo non può essere contrario alla felicità.
Deve essere a favore della felicità umana; dell’amore sulla Terra, delle relazioni umane,
dell’attenzione ai figli, dell’avere amici, dell’avere il giusto, l’elementare.
Precisamente. Perché è questo il tesoro più importante che abbiamo: la felicità!”

José Pepe Mujica

 

Fonte: http://www.ilfattoquotidiano.it