La Nuova Terra dell’Apocalisse

Trovo che tra l’articolo, con la descrizione dell’ Isotopo di Carbonio costituito da 6 protoni 6 elettroni e 6 neutroni (link ) e la descrizione della nuova Terra nell’Apocalisse ci siano delle analogie, ognuno utilizzi il proprio intuito e discernimento.
Patrizia

(21,1-5a)

E vidi un nuovo cielo
e una nuova terra,
perché il cielo e la terra di prima erano scomparsi
e il mare non c’era più.
Vidi anche la città santa, la nuova Gerusalemme,
scendere dal cielo, da Dio,
pronta come una sposa adorna per il suo sposo.

E udii…
E udii allora una voce potente
che usciva dal trono:
«Ecco la dimora di Dio con gli uomini!
Egli dimorerà tra di loro
ed essi saranno suo popolo
ed egli sarà il “Dio-con-loro”.
E tergerà ogni lacrima dai loro occhi;
e non ci sarà più la morte,
né lutto, né lamento, né affanno,
perché le cose di prima sono passate».

(21,12-14)

La città è cinta da un grande
e alto muro con dodici porte,
e sopra queste porte stanno dodici angeli
e nomi scritti,
     i nomi delle dodici tribù dei figli d’Israele.
A oriente tre porte,
     e a settentrione tre porte,
     e a mezzogiorno tre porte
     e ad occidente tre porte.
Le mura della città poggiano su dodici basamenti,
e sopra i quali sono i dodici nomi
     dei dodici apostoli dell’Agnello.

(21,15-18a)

E colui che mi parlava aveva come misura una canna d’oro, per misurare la città e le sue porte e le sue mura.
E la città è a forma di quadrato
e la sua lunghezza è uguale alla larghezza.
E l’angelo misurò la città con la canna:
misura dodici mila stadi;

la lunghezza e la larghezza e l’altezza sono eguali.
Ne misurò anche le mura: sono alte centoquarantaquattro braccia,secondo la misura in uso tra gli uomini adoperata dall’angelo. Le mura sono costruite con diaspro.

(21,18b-21)

E la città è di oro puro,
simile a terso cristallo.
E le fondamenta delle mura della città sono
adorne di ogni specie di pietre preziose.

Il primo fondamento…
     Il primo fondamento è di diaspro,
il secondo di zaffìro,
il terzo di calcedònio,
il quarto di smeraldo,
il quinto di sardònice,
il sesto di cornalina,
il settimo di crisòlito,
l’ottavo di berillo,
il nono di topazio,
il decimo di crisopazio,
l’undecimo di giacinto,
il dodicesimo di ametista.
E le dodici porte sono dodici perle; ciascuna porta è formata da una sola perla.
E la piazza della città è di oro puro,
come cristallo trasparente.

(21,22-23)

E non vidi alcun tempio in essa perché il Signore Dio,
l’Onnipotente e l’Agnello sono il suo tempio.
E la città non ha bisogno della luce del sole, né della luce della luna perché la gloria di Dio la illumina
e la sua lampada è l’Agnello.