E SE LA MALATTIA NON FOSSE IL DRAMMA CHE VIVIAMO?

09-acro-yoga-couples.w710.h473.2x

Ci sono due tipi di medicina.
Quella degli schiavi e quella degli uomini liberi.
Quella per gli schiavi (sintomatica) deve rimuovere rapidamente il sintomo, perché possano tornare al più presto al lavoro. Quella per gli uomini liberi (eziopatogenetica) deve capire il sintomo,
il suo significato per la salute complessiva del corpo, per l’equilibrio della persona e per la sua famiglia.
Platone

E se la malattia non fosse il dramma che viviamo?
E se la malattia fosse una risposta sensata del corpo per risolvere
una situazione alla quale non trovo soluzione ?
E se la malattia fosse un messaggio per portare l’attenzione su una problematica che sto negando o che non ho elaborato a sufficienza e che mi fa consumare tanta energia da mettere in pericolo
la mia qualità e la mia quantità di vità?

La paura della malattia
è più pericolosa della malattia stessa.
(Paracelso XVI secolo)

PLATONE (428-348 a.c) in un dialogo con l’amico Carmide dice:

“Non dovresti curare gli occhi senza curare la testa o la testa senza curare il corpo. Così anche non dovresti curare il corpo senza curare l’anima. Questo è il motivo per cui la cura di molte malattie è sconosciuta ai medici, perché sono ignoranti nei confronti del Tutto che anch’esso dovrebbe essere studiato, dal momento che una parte specifica del corpo non potrà stare bene a meno che non stia bene il Tutto”.

Esperienza di Tommaso utente del web:
Un contadino sa bene che se una pianta dà un frutto malato probabilmente dovrà curare quella pianta. Se invece tutte tutta la piantagione produce frutti malati probabilmente è il terreno che ha qualcosa che non va.

Oggi milioni di persone sono malate e la cura che il nostro sistema occidentale offre è la cura “tradizionale” a base di farmaci. Spegniamo il sintomo e continuiamo a lavorare. Credo invece che se così tanti hanno problemi di salute probabilmente c’è qualcosa nell’ambiente e nel nostro modo di vivere, mangiare e pensare che non funziona.

Ecco appunto. Tutto il nostro mondo occidentale si muove grazie agli incentivi economici: se io lavoro voglio essere pagato, se ho bisogno di qualche cosa l’acquisto, se devo guarire da una malattia pago una cura. Credo sia chiaro a chiunque si ponga la domanda che il nostro sistema-salute è gestito interamente dall’industria farmaceutica la quale opera secondo i principi del business: massimizzare le vendite di farmaci e quindi i profitti. La salute della persona è sotto il controllo del medico il quale è incentivato (con magnifici convegni ai tropici) a prescrivere farmaci per la cura dei sintomi del paziente che poco sa di come rimanere in salute.

Se tu fossi un gelataio non vorresti forse che fosse sempre estate? E se tu fossi un produttore di farmaci, cosa desidereresti per la gente? Non vorresti che fosse sempre malaticcia vero?

Da diversi anni però si è aperta a tutti un’altra possibilità: grazie alla rete ci si può informare sulle cure disponibili, su come interpretare i messaggi lanciati dai sintomi per capire la causa di una malattia, si può iniziare a valutare la competenza di un medico (non sempre felici di veder messo in discussione il loro ruolo di esperti di malattie) e scegliere quello più adatto a te.

O più semplicemente è diventato sempre più facile e quindi comune trovare informazioni su come migliorare il benessere del proprio corpo, della propria mente e presto arriveremo a stare meglio anche nello spirito.

Alla medicina ufficiale si affianca quindi la medicina cosiddetta alternativa: puoi curarti con i fiori di Bach, con l’omeopatia, con la meditazione, con la psicomagia, con la terapia verbale, con i massaggi shiatsu, con la medicina energetica, con il Qi Gong e tutte le discipline orientali, ecc… l’elenco non finisce mai (cerca su Google le parole che ho appena elencato e divertiti!).

Non mi sento di consigliare un medico, un autore particolare, un ricercatore o un divulgatore. Io ho iniziato a cercare sulle librerie online specializzate su questi temi.

La ricerca della salute è un terreno di scoperta di sé meraviglioso e appassionante, ognuno secondo me dovrebbe intraprendere un percorso per diventare pienamente cosciente e responsabile del proprio benessere a tutti i livelli. Non approfittare però di vivere nell’era dell’informazione è un sacrilegio!
Non è mai stato facile come oggi accedere a libri, corsi, pratiche meditative, cure di ogni tipo, non è mai stato così semplice conoscere medici appassionati che condividono la propria competenza.

Hai qualche problemino di salute che ti piacerebbe risolvere (tutti l’abbiamo!)? Inizia a cercare su google!

Buona ricerca!

Tommaso

Fonte: http://www.mind-cafe.com/ti-curi-uno-schiavo-uomo-libero/

CLICCA QUI: CATEGORIA CORPO UMANO SUL NOSTRO BLOG

Ascolta STEFANIA MARINELLI E PATRIZIA – LA MALATTIA COME MESSAGGIO DELL’ANIMA” su Spreaker.
Ascolta CARATTERISTICHE PSICO-SOMATICHE DEI SEGNI ZODIACALI con STEFANIA MARINELLI” su Spreaker.

.