Un amico mi ha chiesto di divulgare e lo faccio volentieri, è giusto conoscere i nostri diritti ed esercitarli.
Rifiuto o restituzione con verbalizzazione delle schede:
riferimenti normativi e prime indicazioni
ISTRUZIONI PER L’ELETTORE
1) andare a votare, presentarsi con i documenti + tessera elettorale e farsi vidimare la scheda
2) NON TOCCARE LA SCHEDA ELETTORALE
(se si tocca la scheda viene contata come nulla e  quindi rientra nel meccanismo del premio di maggioranza)
2) ESERCITARE IL DIRITTO DI RIFIUTARE LA SCHEDA (dopo vidimata), dicendo:
‘rifiuto la scheda per protesta e chiedo che sia verbalizzato!’
3) pretendere che venga verbalizzato il rifiuto della scheda
4) esercitare, se si vuole, il proprio diritto di aggiungere, in calce al verbale, un
commento che giustifichi il rifiuto (ad esempio, ma ognuno decida il suo motivo:
‘nessuno dei politici inseriti nelle liste mi rappresenta’ – oppure: ‘perché nessun
partito ha nel suo programma il ripristino della sovranità monetaria costituzionale’)
(d.p.r. 30 marzo 1957, n. 361 – art. 104, già citato) così facendo non voterete ed
eviterete che il voto, nullo o bianco, sia conteggiato come quota premio per il partito
con più voti.

andate a leggere qui: www.riforme.into

http://www.riforme.info/noschede2008/19-rifiuto-schede/117-noschede-rifnorm: