Il Vangelo di Gesù

Sono venuta in possesso di un manoscritto inedito che narra la storia del ritrovamento del Vangelo di Gesù, non si tratta di quello di Josè Saramago che descrive la vita immaginaria di Gesù, benchè ne sia contemporaneo e, a detta dell’autore è tratto:

Questo Vangelo (ora conservato  nel Convento di Santa Caterina sul Monte Sinai) è  scritto in codice, su pergamena di agnellino, da  una mano esperta nell’uso del calamo  – con inchiostro vegetale verde, mescolato a olio di cocco e albume d’uovo, un composto d’invenzione egizia che non scoloriva nei secoli –  così che i caratteri appaiono ben contornati, senza sbavature, graffi o raschiature.   Il vero Nuovo Testamento è firmato in calce col nome di Yeshua

Non posso certo pubblicare qui il manoscritto per intero ne violerei la proprietà ma alcune piccole parti che non ho mai letto nemmeno nei vangeli apocrifi, poi magari la memoria m’inganna e sono io che non ricordo ma, anche se alcuni di voi ricordano qualcosa, una rilettura può sempre servire per procedere nel nostro cammino.

  In verità, in verità vi dico: che sono tutto in tutto, composto di tutti i poteri. Gl’insipienti grideranno menzogna, gl’intelligenti resteranno perplessi. Io parlo e molti non intendono. Io chiamo e molti non rispondono. Quale sordità chiude le loro orecchie? Parola di Yeshua.

  In verità, in verità vi dico: che in voi vi è la presenza della “cosa meravigliosa”, del “caos vivo” nel quale ogni possibilità è compresa. Pietra, acqua, uovo, drago, piombo, argento, oro, albero, spirito, materia, telesma (forza astrale), quintessenza, donna, uomo, fanciullo, cielo, seme, terra. Parola di Yeshua.

In verità, in verità vi dico: mi chiedete quando un giorno lontano io tornerò fra voi rivelandomi nuovamente; quando saprete spogliarvi senza vergogna mostrando i vostri difetti e i vostri peccati. Parola di Yeshua.

   In verità, in verità vi dico: chiunque bestemmia contro il Padre sarà perdonato, chiunque bestemmia contro il suo Profeta sarà perdonato, ma chiunque bestemmi contro la sovranità del popolo  non sarà perdonato né in terra né in cielo. Parola di Yeshua.

In verità, in verità vi dico: non stupitevi se guardandovi pregare io rido, sappiate che non derido la vostra devozione rivolta a me, ma rido per la vostra ingenuità di avermi scambiato per quello che non sono. Fratelli onorate Dio che ci ha resi simili e fratelli.

   In verità, in verità vi dico: ricordo  Giuda Iscariota, che un giorno sarà stella e libererà col suo tradimento  il mio corpo terreno. Ricordo Giuda che un giorno mi disse: “Io so chi sei e da dove vieni. Vieni dal Regno immortale di Barbelo, la Madre divina di ogni cosa”  il che significa che io provengo dal Regno dei cieli e che sono figlio di Dio. E io in quel giorno, che era prossima la Pasqua ebraica gli risposi: ‘Giuda ripensa alle tue parole e solo quando avrai meditato a lungo, torna da me  e io ti prometto che ti parlerò dei misteri del vero Regno, che tu, che voi potrete raggiungere un giorno, dopo avere sofferto molto. Sarà quello un giorno radioso anche per tutte le generazioni future che vedranno la luce, fra mille anni e più.

   In verità, in verità vi dico: che voi obietterete perché dobbiamo attendere di vedere la luce quando la vedranno quelle generazioni future? Sono esse forse migliori di noi? E io già subito vi rispondo: non vi sarà un’altissima quercia se prima non vi è stato un tenero germoglio, e voi siete quel tenero germoglio che farà crescere l’altissima quercia della mia fede.

   In verità, in verità vi dico: che non avvenga mai che i miei postulati di fede si trasformino in  dogmi e che nel rispetto di questi dogmi siano perseguitati coloro che non li accettano e non li condividono.

   In verità, in verità vi dico: fratelli non adorate nessuna immagine, Dio non ha volto. Non prostratevi mai davanti a nessun simulacro o simbolo e rendete culto solo al Signore.

     In verità, in verità vi dico: beati coloro che crederanno in me pur non avendomi mai incontrato. Chi ha fede non ha bisogno di vedere.

Il Vangelo di Gesù parte 2°