IL COMANDAMENTO DELLA FRUTTA

alberi

In una regione desertica gli alberi erano scarsi e la frutta difficile da trovare. Si diceva che Dio volesse fare in modo che ce ne fosse abbastanza per tutti, perciò apparve un profeta e disse: “Questo è il mio comandamento a tutta la popolazione attuale e alle generazioni future: nessuno mangerà più di un frutto al giorno. Così sia scritto nel Libro Sacro. Chiunque trasgredirà questa legge sarà considerato peccatore nei confronti di Dio e degli uomini”.

La legge fu osservata fedelmente per secoli, finché gli scienziati scoprirono il sistema per trasformare il deserto in terra fertile. La regione divenne feconda di cereali e bestiame, e gli alberi si curvavano sotto il peso della frutta non raccolta. Ma la legge sulla frutta continuava ad essere imposta da parte delle autorità civili e religiose del paese. Chiunque facesse notare che lasciar marcire la frutta per terra era un delitto contro l’umanità, veniva tacciato di essere blasfemo e nemico della morale. Si diceva che questa gente, che metteva in dubbio la saggezza della Sacra Parola di Dio, fosse guidata dallo spirito orgoglioso della ragione, invece che dallo spirito di fede e sottomissione che solo può condurre alla Verità.

In chiesa si tenevano spesso prediche in cui si dimostrava come tutti coloro che infrangevano la legge avessero fatto una brutta fine. Non si accennava neppure al numero altrettanto alto di quanti avevano subito la stessa sorte pur rispettando fedelmente la legge o alla grande massa di coloro che prosperavano nonostante la loro disobbedienza. Non si poteva far nulla per cambiare la legge, perché il profeta che asseriva di averla ricevuta da Dio era morto da molto tempo. Probabilmente egli avrebbe avuto il coraggio e il buon senso di mutare la legge in base alle circostanze poiché aveva accolto la Parola di Dio non come qualcosa da venerare, ma come uno strumento da usare per il bene del popolo.

Di conseguenza, alcuni disprezzavano apertamente la legge, Dio e la religione. Altri la violavano in segreto e sempre con un certo senso di colpa. E la grande maggioranza vi si adeguava in modo rigoroso e si considerava santa solo per il semplice fatto che restavano fedeli ad un’usanza insulsa e superata di cui non avevano il coraggio di sbarazzarsi.

Antony De Mello

 

Il buon senso c’era;
ma se ne stava nascosto,
per paura del senso comune.
A. Manzoni

Salva