Le energie dell’Universo si stanno riversando su questa terra per aiutarci ad operare un salto evolutivo, sappiamo tutti che è così. La crescita spirituale non è pace, amore, fiorellini e cuoricini, la crescita spirituale è forgiare  donne e uomini forti, che siano responsabili di ciò che fanno, dicono e chiedono.
Queste energie ci stanno donando la conoscenza, una conoscenza che è stata celata per centinaia d’anni, è un’epoca speciale quella in cui viviamo ce ne siamo resi conto?

Ci sono persone che per scelta d’Anima stanno divulgando queste informazioni ma a chi le stanno divulgando…
A chi guarda le virgole e non vede la trave che ha nell’occhio?
A chi si preoccupa della forma e non vede la sostanza?
A chi seduto attende l’energia di Urano o di Giove e sospira fiducioso non operando cambiamenti in se stesso o nella sua vita?
A chi si crede evoluto e sparge riequilibri energetici quando nella sua vita non riesce ad attrarre situazioni appaganti?
A chi canalizza messaggi dall’Universo senza ripulirsi dal proprio ego ed inquina le informazioni?

Qualsiasi divulgatore o operatore olistico ha una grande responsabilità nell’offrire i suoi servizi… dovrebbe essere sano e pulito energeticamente, avere una vita sana e sane relazioni, ognuno di noi fa il meglio che può… ma il meglio dev’essere nell’intenzione, nel focus, nelle preghiere.

La preghiera, altro importante elemento della crescita personale, basta con i… “dammi” “voglio” “mandami”, chiediamo di essere all’altezza del compito affidatoci, chiediamo di essere maturi per vivere nell’abbondanza, maturi e forti per avere relazioni felici, pronti a comprendere quale sia la nostra strada, chiediamo di saper fluire nella vita comprendendo i messaggi che ci invia, di essere svegli mentalmente prima ancora di esserlo spiritualmente, svegli per capire e poi comprendere, chiediamo di essere aperti nell’intuito per sentire il divino dentro di noi e di poterci esprimere divinamente, prestando attenzione ai nostri pensieri e alle nostre parole. Chiediamo con questa formula, basta pretendere senza evolvere, chiediamo per evolvere e per realizzare il meglio che possiamo, per portare quel cambiamento che è necessario, in noi, nelle nostre vite e in ciò che ci circonda.!

Essere forti, disconoscere la paura dopo averla compresa, avere fede e amore per noi stessi e di conseguenza negli altri, basta lamentarsi che stiamo male, che ci sentiamo depressi, che non capiamo che energia ci gira intorno; gira quella che emaniamo, sentiamolo tutto questo disagio, respiriamo e poi lasciamolo andare radicandoci nella Terra che trasmuta, poi inviamo energia di gratitudine e gioia alla Terra, che ci aiuta e ci sostiene.
Chiediamo aiuto anche in alto ma non continuiamo a lamentarci con tutti, la lamentela non porta nulla, aggrava solo la situazione. Essere forti è anche aiutare se stessi… “aiutati che il ciel ti aiuta” un proverbio che racchiude un saggio insegnamento, indica che il lavoro è da fare su se stessi, la presa di coscienza del grande valore che ognuno di noi ha, arriverà conoscendosi profondamente.
E’ giunta l’ora di svegliarsi per essere forti e attenti… nel qui e ora!

Om Shanti Amen

Patrizia Pezzarossa

Testi di Visione Alchemica
Riproduzione consentita con citazione della fonte.

 

Se trovi che i nostri articoli, traduzioni, recensioni e le trasmissioni Web Radio
sono per te fonte di crescita e di benessere

puoi sostenerci con una donazione.
Grazie!

sostieni+