Come trasmetti la fiducia a te stesso?

Ti è mai capitato di non avere fiducia in te stesso e di non trovare la via d’uscita? Quante volte pensi di non farcela, pensi ai tuoi desideri più grandi e  non sai come realizzarli? Ti sei mai lanciato da 5000 metri con un paracadute? Secondo te, cosa ti serve per lanciarti, oltre al paracadute….Forse coraggio, adrenalina, fegato, sfrontatezza. Sì, queste cose sicuramente sì, ma non solo. C’è molto di più… Quando hai l’obiettivo di lanciarti, prima ci pensi, progetti, ti chiedi come sarà e intanto ti prepari: il paracadute, gli occhialini, la posizione, l’ordine di lancio, l’atterraggio, come respirare, come mettere i piedi, ecc.. Ad un certo punto ti dicono che puoi avviarti e salire sull’aereoplano: inizi a realizzare… ti si chiede adesso di metterti in gioco veramente… i battiti del cuore iniziano a farsi sentire. Cosa accade? I dubbi! I dubbi ti assalgono: “Ce la farò?”, “No, non posso, ho paura!!”, “No, non è possibile, non è umano sostenere un volo in caduta libera da un’altezza simile!”, “E se il paracadute si rompe?”, “E se il velivolo cade?”, “E se cado male?”, “E se…”. Anche nella vita ti capita di avere obiettivi grandi, impegnativi, che scopri anche essere i più belli, i più appaganti e ogni volta che ti avvicini a toccare con mano l’inizio della realizzazione ecco che arriva il sabotaggio.

Che cosa sabota i tuoi progetti?

Il dubbio, la mente mette lo zampino, prende il sopravvento, ti  fa vacillare, ti fa perdere tempo con le sue insinuazioni. La paura  ti prende la pancia, è più grande di te, fai fatica a sostenerla, non sai cosa succederà, non riesci a prevedere cosa sarà dopo, temi l’ignoto, il non conosciuto… il vuoto. La svalutazione entra in gioco, non credi più di essere quello che ha scelto di fare il salto, credi di non avere la forza, di non avere le capacità, il talento. Cosa succede se alimenti e scegli di dare adito a tutto questo? Gli altri salteranno e tu rimarrai a guardare, anche se hai già pagato! Nella vita rimani a metà, nel Purgatorio, sopravvivi… Perché hai scelto di dire di no alla Signora Vita, alla tua, hai scelto di non osare, di non rischiare, di non andare oltre i tuoi confini comodi, sicuri e conosciuti. Hai scelto di mettere a tacere i tuoi sogni e i tuoi desideri. Ma cosa può succedere ad un certo punto, mentre sei a 5000 metri da terra, il rumore assordante del velivolo ti intontisce, fai fatica a seguire i segnali di chi ti guida.

Proprio in quel momento ti accorgi che non riesci più a pensare, che sei lì, da solo con te stesso, con le tue paure da fronteggiare, con il cuore che batte all’impazzata. Sei lì in fondo perché l’hai voluto davvero, hai fatto di tutto per esserci, anche se tutti ti dicevano che eri pazzo, che stavi bene dov’eri e di pensarci bene… E adesso? Adesso sei sul bordo, ci sei, è arrivato il momento, non vuoi, non sai, non puoi, e poi qualcosa, qualcosa ti spinge, arriva da dentro qualcosa di più forte, più penetrante, che vince l’inerzia, vince il conflitto, dice sì… è un attimo e sei oltre il bordo… la meraviglia! Finalmente! Non puoi tenere gli occhi chiusi, è inebriante, ti riempie, vedi il mondo dall’alto, sei libero! La quiete dopo la tempesta, il silenzio che si respira, che non si sente, un silenzio che nel mondo di tutti non c’è, non l’avevi mai conosciuto prima d’ora, la mente si è arresa, il corpo ha assecondato la tua volontà profonda. E nella vita? Nella vita puoi scegliere di dire sì, di osare, di non sentire il rumore della mente, il rumore di chi ti dice di non farlo, di chi ti dice che seguire i sogni è da folli, e soprattutto le voci che ti dicono “E’ impossibile!”.  Lanciati, il vuoto non esiste perché è pieno d’aria e oltre il bordo ti aspettano i desideri realizzati.

Conclusioni

I sogni sono fatti per essere realizzati. Puoi scegliere tu cosa e puoi scegliere di farlo subito. Osa, i limiti esistono solo quando li crei tu e i limiti sono della mente, sono illusori. Per ogni problema esiste già la soluzione. Per saltare ci vogliono coraggio, adrenalina, sfrontatezza, ma anche uno dei valori più grandi: la fiducia. Fiducia nelle tue capacità, fiducia in un disegno più grande, scritto perché tu possa essere davvero felice… Svegliati, alzati, fai un bel respiro e salta!…
Giù, al settimo cielo!

Roberta Cavallo Naturopata di
www.bimbiveri.it roberta Fonte: www.bimbiveri.it