Aïvanhov: Un Vero Musicista…

…deve Accordare Prima Di Tutto Se Stesso

musica

Gli esseri umani hanno un sistema basato su sei corpi:  fisico, emozionale (astrale- eterico), mentale, causale,  cristico o buddhico ( anima) e atmico (spirito); sistema paragonabile a una chitarra a sei corde.  Ciascuna corda rappresenta un corpo-nota ( e ogni nota a una tonalità di colore), e quando è accordata, la musica che ne scaturisce (come la vita che si vive) è magica: allo stesso modo un essere umano acquista armonia e capacità illimitate.

Se è invece in disarmonia, l’individuo, come uno strumento scordato, proverà malessere emotivo, fisico, mentale e spirituale. “Se riuscite a rafforzare le difese del vostro organismo, esso sarà talmente ben armato che, messo di fronte a quella  resistenza, il nemico, ossia la malattia, farà dietro front.

La  prova: nel corso di epidemie, si sono viste persone circolare  tranquillamente fra i malati senza mai esserne contaminate;  altre, invece, pur avendo preso ogni sorta di precauzioni, venivano contagiate dal male.
Perché? Perché nelle prime, il  terreno non era favorevole all’insediamento dei microbi. Quando un posto è ben protetto, il nemico risulta impotente.

Ecco perché, invece di concentrarsi sulla malattia, è tanto più  importante iniziare a studiare la salute: le leggi che ne assicurano il mantenimento, i fattori di cui essa è il risultato  (respirazione, nutrizione, comportamento); queste cose devono  essere insegnate a tutti. È qui che inizia la vera medicina.

Il musicista che non abbia mai pensato ad accordare in sé l’intelletto, il cuore e la volontà, non conosce ancora l’armonia.  La vera arte consiste nell’essere anzitutto artisti nei propri  pensieri, nei sentimenti, nei gesti, nelle parole, negli sguardi .

O.M.Aïvanhov