SPIRITO GUERRIERO

 

Troppo spesso guardiamo alla Via del Guerriero come a qualcosa di antiquato, come a un codice di condotta appartenente a un passato oscuro e violento.

Lo Spirito Guerriero rappresenta al contrario una qualità imprescindibile per chi ambisce ad elevare la propria coscienza.Possedere Spirito Guerriero non ha nulla a che vedere con l’essere violenti, spavaldi o prevaricatori; significa bensì condurre la propria vita sotto il segno del Coraggio.

.

Significa saper dire “sì” quando è “sì” e “no” quando è “no”:

“Sia invece il vostro parlare sì, sì; no, no; il di più viene dal maligno.”
Mt 5, 37

.

Significa che la nostra integrità non è mai in vendita, e non può essere comprata al prezzo di nessuno degli allettamenti del mondo:

“Che giova infatti all’uomo guadagnare il mondo intero, se poi perde la propria anima?”
Mc 8, 36

.

Significa essere compassionevoli e avere mano ferma nel neutralizzare chi reca danno a ciò che in noi stessi e negli altri è più intimo e indifeso:

“Chi invece scandalizza anche uno solo di questi piccoli che credono in me, sarebbe meglio per lui che gli fosse appesa al collo una macina girata da asino, e fosse gettato negli abissi del mare.” Mt 18, 6

.

Significa infine liberarci dalla schiavitù verso la nostra sussistenza terrena. Ogni vizio, ogni timore, ogni spinta a cedere verso il basso, derivano dall’attaccamento nei confronti della nostra sopravvivenza terrena. Solo chi è pronto a rinunciare alla vita, può godere una Vita piena e libera:

“Perché chi vorrà salvare la propria vita, la perderà;
ma chi perderà la propria vita per causa mia, la troverà”.
Mt 16, 25

.

Il Cavaliere che, nelle narrazioni archetipiche, affronta con Coraggio le prove per raggiungere la sua Bella, ci dice infatti qualcosa di assolutamente reale: solo se il mio Maschile è in grado di esprimere la sua forza e la sua fermezza, il mio Femminile può riposare serenamente al suo fianco, e Uomo e Donna interiori possono essere riuniti in quello Sposalizio che è la frequenza stessa del Cristo. Allora dall’Unione di Due, può nascere “un Terzo”, ovvero quella Nuova Creatura che è l’umano cristificato, Adamo ed Eva redenti nel Cristo:

“Perché dove sono due o tre riuniti nel mio nome, io sono in mezzo a loro”.
Mt 18, 20

.

Fonte: https://www.facebook.com/baccagliniperfectlove/

Ascolta “IO E IL MONDO SIAMO UNA COSA SOLA con ALESSANDRO BACCAGLINI” su Spreaker.

.

CORAGGIO




Salva

Salva

Salva

Salva

Salva