Choice

SIGNORI E SIGNORE… FATE LA VOSTRA SCELTA!

Choice

Devi scegliere quello che desideri essere, e
di conseguenza la vita ti risponderà per portarti quello che desideri.
E’ tutta questione di scelta, non ci sono vie di mezzo.

 

Tutti conosciamo la frase del Vangelo:

Chiedete e vi sarà dato, cercate e troverete, bussate e vi sarà aperto.
Perché chi chiede ottiene, chi cerca trova, e a chi bussa sarà aperto.
(Luca 11, 9-10)

E’ diventata ancora più famosa grazie al fatto che i coniugi Hicks l’hanno utilizzata per dare il titolo ad una delle loro opere più importanti. Ma avete mai davvero analizzato cosa significa questa frase?
Cosa voleva dire Gesù con Chiedete e vi sarà dato“?

Chi non capisce il profondo significato di questa frase non può nemmeno utilizzarla per i propri fini, e forse questo è uno dei principali motivi per cui la Legge di Attrazione il più delle volte sembra non funzionare.

Innanzi tutto analizziamo il concetto che è alla base di tutto il nostro ragionamento: puoi chiedere solo dopo che hai scelto cosa vuoi. Ecco perchè nel titolo di questo post ho scritto ‘fate la vostra scelta’. A volte le cose più scontate sono proprio quelle che sfuggono ad un’analisi superficiale.

Attenzione, non sto dicendo che non sappiamo cosa chiedere, perchè sono convinto che ognuno di voi sappia più o meno cosa vorrebbe avere dall’Universo. Il problema è che non scegliamo.

Scegliere vuol dire un’altra cosa ben più profonda, che ora andremo ad analizzare.

Come i capricci di un bambino

Scegliere vuol dire prendere una decisione inequivocabile su quello che vogliamo. Vuol dire prendere in considerazione un esito – uno solo – scartando qualunque altra ipotesi riguardo qualsiasi alternativa che non soddisfi pienamente la nostra scelta primaria.

Avete presente quando un bambino si dice che ‘fa i capricci’? Se un bimbo vuole qualcosa, mette in campo tutte le sue energie per manifestare la sua scelta, e difficilmente lo si può distogliere da quello che vuole, se non accettando che si lamenti e manifesti tutto il suo disappunto, facendo i capricci, appunto.

Questo vuol dire scegliere, e i bambini, non ancora contaminati dalla errata idea che qualcosa possa essere impossibile da ottenere (se hai dubbi su questo concetto, ti consiglio di leggere quest’altro mio post), sanno benissimo che per ottenere qualcosa bisogna essere assolutamente categorici e fermi sulla propria decisione, allineando tutto il proprio essere verso il soddisfacimento di quel desiderio. Dobbiamo imparare dai bambini, perchè loro sanno benissimo come funziona l’Universo, molto meglio di quanto la nostra ottusa razionalità ci faccia credere.

Ebbene, ecco cosa vuol dire scegliere. Non vuol dire desiderare qualcosa e sperare poi che si avveri, in base a chissà quale forza sovrannaturale o intervento divino. Non è così che funzionano le cose.
Siamo in possesso di un immenso potere, ma quel potere dobbiamo rivendicarlo, manifestandolo con tutte le nostre forze.

Il problema è che abbiamo travisato il concetto di chiedere per avere. Pensiamo che esista qualche forza al di fuori di noi che recepisca la nostra richiesta, e poi in qualche modo, a patto che siamo abbastanza meritevoli, provveda a farcela avere. Dopo aver letto i libri sulla Legge di Attrazione, infatti, facciamo qualche visualizzazione e poi passiamo il nostro tempo a ‘sperare’ che qualcosa accada, credendo in un Universo separato da noi nel quale esiste una strana legge che ci porta (se siamo stati bravi e buoni) le cose che chiediamo.

No, signori miei, non funziona così l’Universo.
Il bimbo non si limita a chiedere, perchè nello stesso tempo è assolutamente convinto che sia possibile avere quello che sta chiedendo e poi, cosa ancora più importante, si focalizza con tutto il suo essere su quella cosa e agisce in modo da ottenerla, a tutti i costi.

Per noi adulti, che naturalmente non possiamo fare i capricci, tutto questo si traduce nella assoluta focalizzazione e certezza, a livello mentale, sul fatto che quello che chiediamo può essere nostro, e nel contempo qualsiasi nostro pensiero, parola o azione deve essere finalizzato a supportare quell’idea.
Non possono esistere gli ‘speriamo che…‘, o ‘chissà se…‘, o peggio ‘sarà difficile che…‘.

La speranza è la virtù dei perdenti
.

Ogni nostro pensiero è un ordine ben preciso, e il dubitare è un comando molto chiaro che diamo all’Universo di annullare la nostra richiesta.
Non esiste nessuna forza nè entità divina là fuori che deve portarci quello che abbiamo chiesto.
Il concetto è molto semplice: non dobbiamo chiedere, ma scegliere:

Se chiediamo, presupponiamo che esista qualcosa o qualcuno separato da noi a cui stiamo chiedendo.
Se scegliamo, stiamo semplicemente prendendo ciò che già esiste ed è già nostro, senza alcun intermediario.

Afferrato il concetto?

Ecco cosa vuol dire scegliere, che poi, nel caso non ve ne foste accorti, non è altro che il sinonimo di creare.

Paolo Marrone

Continua su: http://www.campoquantico.it/wordpress/signori-fate-la-vostra-scelta/

.Ascolta “L’ATTENZIONE COME POTENTE STRUMENTO DI CREAZIONE con PAOLO MARRONE” su Spreaker.




Salva