SENSI DI COLPA O DISAGI?

 

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Opera di Alessandro Matta

Chi fa un lavoro su di se ad un certo punto intuisce che la sua personalità, il suo io che interagisce con il mondo, è solo una macchina biologica con un corpo fisico e una mente. Intuisce che questo “veicolo” porta un passeggero che è anche (o dovrebbe essere) il CONDUCENTE del veicolo. Come una sofisticata macchina ha anche il pilota automatico che è gia attivato e collegato al navigatore. Il pilota automatico porta il veicolo e il CONDUCENTE verso una destinazione che è gia stata pre impostata alla nascita ovvero appena il CONDUCENTE è entrato nel veicolo. Il problema è che tra il computer di bordo e il CONDUCENTE non c’è comunicazione, quest’ultimo non conosce i comandi e il computer non è stato programmato per interagire con il CONDUCENTE che va dove il computer di bordo ha in programma di andare. La domanda è: “chi ha programmato il computer di bordo ? chi ha messo le coordinate del viaggio ?

Fuori di metafora noi viviamo con due grosse sensazioni: il senso di colpa e il disagio.

Ci si sente in colpa quando non facciamo una cosa che andrebbe fatta o facciamo una cosa che NON andrebbe fatta. E’ la coscienza che ci fa sentire cattivi o buoni, sbagliati o giusti, colpevoli o innocenti. Ma cos’è o chi è questa coscienza ? E’ Dio ? NO, non è Dio ma la coscienza (o l’incoscio) collettiva a cui apparteniamo. La famiglia è una coscienza collettiva, lo stato è una coscienza collettiva, la religione è una coscienza collettiva, ogni gruppo a cui apparteniamo è una coscienza collettiva che ci dice continuamente ciò che va fatto e ciò che non deve essere fatto. Ce lo dice con quella che nelle varie culture è stata definita “voce della coscienza” che nella metafora di prima è il computer di bordo: “a 100 mt svolta a destra, alla rotonda prendi la seconda uscita”. Quando parla la voce della coscienza ci sentiamo costretti a fare o non fare una determinata cosa, il problema è che spesso tutto questo avviene sotto la soglia della nostra consapevolezza, a livello inconscio, quindi pensiamo che sia la nostra testa a dirci cosa fare ma in realtà è il computer di bordo. Quando non prendiamo la seconda uscita a destra, ovvero quando ad esempio smettiamo di fare un lavoro che non ci piace, quando disobbediamo il computer di bordo CI FA SENTIRE IN COLPA, o meglio si sente in colpa.

Quando proviamo DISAGIO invece è la nostra Anima, il CONDUCENTE, che non vuole fare una cosa che è invece costretto a fare dalla coscienza collettiva, alias voce di dio. L’Anima è ciò che noi siamo realmente, è Colei che è salita a bordo del veicolo per fare un viaggio. L’Anima sa dove deve andare, cosa è venuta a fare ma non è in grado di comunicare con il computer di bordo. La grande possibilità che ha il veicolo/computer è quello di riconoscere che è una macchina e che la Realtà è l’Anima ovvero il CONDUCENTE. Allora il veicolo/computer smette di volere il controllo assoluto di tutti i comandi (perchè si rende conto che è solo un computer con programmi pre instalati) e si lascia guidare dall’Anima. A quel punto la bella addormentata nel bosco si risveglia. L’Anima prende in mano il volante e porta il suo veicolo/computer li dove deve andare a fare la cosa per cui è scesa sulla terra. In quel momento Anima e veicolo/computer diventano una sola cosa e il burattino pinocchio diventa UOMO.

Il senso di colpa è ispirato dall’esterno, il disagio è ispirato dall’interno. Il senso di colpa è disobbedire a un padrone (la coscienza collettiva in cui viviamo e a cui apparteniamo come schiavi), il disagio è disobbedire alla nostra Anima che è la Coscienza individuale. Quando la Coscienza individuale comincia a diventare padrona del proprio destino, ovvero del veicolo/computer ha l’opportunità di collegarsi al vero Dio che è AMORE. Potrebbe anche non farlo e in questo modo vivere una vita indipendente dalla Sorgente ma destinata a perire come una cellula priva di un ambiente in cui vivere, comunque diventa padrona di se stessa, ma prima o poi dovrà scegliere se collegarsi alla Sorgente o a un collettivo.

Qualsiasi cosa tu scelga di fare sappi che se ti senti in colpa stai disobbedendo alla voce di uno o più padroni esterni a te ma stai seguendo la tua Coscienza. Se ti senti a disagio non stai ascoltando la voce della tua Coscienza ma stai obbedendo a padroni che vogliono la tua schiavitù.

Domenico Lisi

Fonte: http://sentieromagico.it/sensi-di-colpa-o-disagi/

Domenico Lisi ospite della nostra Web Radio: