purinton-620px

POTERI INUTILIZZATI

purinton-620px

“Tu sei un gigante potenziale.
“Ma ora tu sei un vero e proprio nano.
“Come puoi fare a meno di essere irrequieto, irritabile, infelice — mentre un vulcano sepolto di energia si trova nel profondo della tua natura?”
Questa è stata la diagnosi fatta di recente a un amico dello scrittore da un esperto medico dell’anima. La verità è quasi universale. Magnifiche possibilità giacciono inesplorate, da scoprire, mai immaginate, dentro i recessi mentali e spirituali comuni a tutti noi. Solo una crisi — una grande responsabilità, una opportunità ineguagliabile, una morte improvvisa o un disastro — porta a risvegliare e sviluppare questi poteri non utilizzati. Mancando la crisi, siamo inclini a dormire o a sprecare le nostre vite. Il problema trascendentale dell’umanità è di essere sempre grandi come si può essere in rari momenti. Gli uomini sono grandi nella misura in cui si obbligano a usare se stessi. Il genio non è altro che un irresistibile bisogno di essere impegnati. L’uomo che ha successo è diventato un orologio a carica automatica che si carica con suoi stessi movimenti, ed egli intuisce quando la carica diminuisce o si sta esaurendo. (La fame è il miglior rimedio per la scarsa attività, dormire il miglior rimedio per l’eccesso di azione.)

Non vi è alcun errore che non sia accompagnato da un sentimento di oppressione. Si commettono errori perché siamo carenti nel potere di vedere, o nel potere di fare come vediamo. Ma la vista e i tendini spirituali possono essere coltivati, saranno coltivati sistematicamente nei secoli a venire. Si sta avvicinando rapidamente il tempo quando un solo Ercole spirituale potrà muovere il mondo. Dei giganti mentali governano adesso, ma la loro forza grezza corrisponde semplicemente alla condizione primitiva della razza. Prima la legge del corpo, ora alla legge del cervello, dopo la legge del cuore, e infine la legge dell’anima, questo è il piano della sovranità del mondo.Quali sono alcuni dei poteri non utilizzati che possediamo, ma che non attiviamo a nostro vantaggio? Muscoli non utilizzati, polmoni non utilizzati, istinti non utilizzati, emozioni non utilizzate, percezioni non utilizzate, facoltà non utilizzate, ideali non utilizzati.

Muscoli inutilizzati ci paralizzano. Non fisicamente, ma quanto a vitalità. Se mai hai visto le gesta meravigliose eseguite da Sandow o qualsiasi altro “uomo forte”, sai quale connessione bellissima di muscoli avvolgono e sostengono il tronco sottile di un atleta allenato — il suo corpo è un’opera d’arte. Ma sai che la sua digestione superba è mantenuta in gran parte da queste fibre muscolari intrecciate, che tengono gli organi digestivi nella giusta posizione, permettendo loro di agire liberamente? Sei anemico, sottile, sofferente di cattiva circolazione? Allora guarda i muscoli di braccia e gambe; a sangue vivo seguono muscoli vivi, e dove c’è debole assimilazione ci sono nervi deboli. Quindi, una cosa apparentemente remota come il sonno è influenzata dalla condizione muscolare, se il sonno è agitato, e il tuo corpo e teso come la corda di un arco, i muscoli della schiena e muscoli delle spalle hanno bisogno di attenzione — la loro flaccidezza permette alla spina dorsale di incurvarsi e al petto di incavarsi, quindi i nervi non riescono a rilassarsi, né il sangue a circolare. Muscoli inariditi portano caos a tutto tutto l’organismo.Polmoni inutilizzati ci paralizzano.

La maggioranza delle persone civilizzate esercitano solo una frazione della loro capacità di respirazione normale, e una serie di mali, dal cervello affaticato e la noia fino alla dispepsia e l’isteria, provengono da questo difetto nella respirazione. Grandi cantanti, campioni di nuoto, e tali altri sviluppatori di polmoni, sono di solito meraviglie di robustezza. Nel fare esercizio fisico improvviso, hai dei capogiri, vertigini, o afflusso di sangue alla testa? Allora le camere dei tuoi polmoni sono a corto di ossigeno, in quanto lo sforzo per riempirle provoca una pressione insolita, che senti di conseguenza. Per quanto tempo puoi trattenere il respiro senza disagi? Se per un minuto o più, sii contento di avere un paio di polmoni che conoscono il loro mestiere e dedicati ad esso. I polmoni sono gli organi di liberazione; esercitati profondamente e regolarmente, ci liberano fisicamente, mentalmente e spiritualmente. I conquistatori sono stati spesso uomini di bassa statura — ma con gigantesca capacità respiratoria. Da Cromwell sul campo di battaglia a Beecher sul pulpito, i conquistatori di cittadelle fortificate del mondo hanno trovato la loro fonte di energia nel respiro.Istinti inutilizzati ci paralizzano. L’istinto dell’animale lo protegge dai nemici, dai veleni, da tutti i pericoli esterni noti o non noti. All’avvicinarsi del pericolo, la lumaca si ritira nel suo guscio, l’istrice rizza le spine, il cervo fugge con il vento. Ma noi, che si suppone che ne sappiamo di più, facciamo di meno. Regolarmente mangiamo ciò che sappiamo che non ci fa bene, consentendo ai veleni in quantità o qualità di entrare nell’organismo attraverso la bocca; siamo guidati dall’appetito invece che dalla fame; continuiamo a ingurgitare cibo quando dovremmo riposare e ruminare; aggiungiamo tonici e digestivi all’insulto gastronomico — poi tristemente ci lamentiamo con un povero stomaco per siamo quanto afflitti! Per di più, intratteniamo come clienti abituali pensieri tali da portare alla paralisi mentale e alla decrepitezza spirituale — preoccupazione, paura, gelosia, dubbio, dipendenza, inganno, compromesso. La lumaca, il cervo e il porcospino farebbero di meglio. In presenza di questi intrusi dobbiamo coltivare il nostro guscio, i nostri muscoli del volo, o le nostre spine, se necessario.

Emozioni inutilizzate ci paralizzano. L’altezza della nostra realizzazione è direttamente proporzionale alla profondità del sentimento. Tutti i grandi uomini hanno un tratto in comune, una feroce intensità, che annienta tutte le cose superficiali e irrilevanti. Le convenzioni proibiscono questo — le convenzioni vivono di meschinità. Non è “buona educazione” sentire profondamente, è buona educazione morire prematuramente, la bara è il simbolo della buona educazione. Fino a quando la malattia di moda preferita sarà la repressione dei sentimenti, nella stessa misura saranno i disturbi nervosi a essere i sintomi di moda preferiti. Potremmo quasi dire che nessun uomo che non ha vissuto una gioia sublime o un dolore schiacciante è sano. Le nostre emozioni ci estendono fin dentro un regno divino, la cui conoscenza fornisce alle nostre vite umane una capacità infinita di crescita. Sentire profondamente equivale comprendere il mondo; sentire nobilmente equivale penetrare il cielo; sentire fortemente equivale forzare il Fato.

Percezioni inutilizzate ci paralizzano. Fino a quando non sfuggiamo al dominio dei sensi, dimoriamo nel caos personificato. È per questo che il mistico orientale si rifiuta di dialogare, di mangiare, di stringere la mano, di vedere i suoi amici, di gioire della musica o di un profumo, fino a quando i suoi sensi esterni sono stati messi a tacere, allora la sua sensibilità interiore può essere espressa. L’esilio volontario di Tolstoj, alla vigilia della morte, dopo la sua auto-privazione nel corso della vita, altro non era che l’eco del mondo antico dell’anima di essere separato dalla carne, e il percepire in modo più chiaro con i ceppi rimossi. Non possiamo essere tutti i saggi, veggenti o mistici, abbiamo del lavoro da fare sul piano terrestre, ma tutti possiamo riconoscere la presenza di forze più sottili in noi, e così sintonizzarci per ascoltare e dare voce a modo nostro le tensioni celesti del Grande Monito. Tu mi dici che la preghiera esalta l’anima. Io ti dico che la preghiera acclara l’occhio, stabilizza la mano, calma il nervo, accelera il giudizio, rafforza la volontà, rende interamente l’uomo vivo, vigile, e sicuro. L’uomo non religioso è un nano nella sua natura soggettiva. Egli è da compiangere, non da condannare.

Facoltà inutilizzate ci paralizzano. Cosa possiamo fare meglio? Lo stiamo facendo? Possiamo trovare nel nostro lavoro tutto lo spazio necessario per l’espressione dei nostri talenti? Stiamo progredendo ogni giorno consapevolmente verso un obiettivo fisso? Queste domande valgono per l’intero corso della vita e a livello planetario. Ogni essere umano è un conglomerato di qualità positive negative, che devono essere classificati, organizzati, unificati, prima che la equazione personale sia risolta. In ogni collegio ci dovrebbe essere un dipartimento dello Studio del Carattere, dedicato a misurare, al riconoscimento e all’equalizzazione delle facoltà deboli e forti dei giovani che lo frequentano. La scienza craniale afferma che in ogni cervello umano una quarantina di poteri strani, tratti e talenti lottano per potersi esprimere. Quelli importanti sono questi: Individualità, Continuità, Coraggio, Combattività, Autostima, Socievolezza, Sistema, Linguaggio, Musica, Poesia, Invenzione, Genitura, Idealità, Speranza. Il guerriero è debole nella Facoltà Di Ideare, il poeta debole nella Continuità, il pedagogista debole nella Combattività, l’eremita debole nella Socialità, il cinico debole nella Speranza. Ma ognuno è forte nel suo campo particolare. Il problema della vita è quindi di scegliere il nostro campo dove la nostra forza può essere evidenziata.

Ideali inutilizzati ci paralizzano. Un ideale è una premonizione del potere. L’idealista spesso sperpera o non riesce a usare il suo potere — allora lo spettatore incolpa l’ideale. Non c’è nulla di così pericoloso per la vita spirituale come concepire un ideale, intraprendere un pellegrinaggio per quell’ideale, e poi tornare indietro. È come mettersi su un sentiero al bordo di un abisso così stretto e ripido che un passo falso significa distruzione, e non si ha il tempo di fare una pausa o spazio per ritirarsi. Questi sono gli ordini di marcia dati all’idealista: “O lo fai — o muori!” Rimani cieco se vuoi, alle tue possibilità sulla terra, e alle glorie dei cieli dell’aldilà. Ma dopo aver cercato la tua visione, e aver visto una cosa in modo chiaro, seguila fino alla fine. Niente di peggio della morte attende. E a cadere tra le vette, con il pieno sole su di te, è una morte che gli angeli possono invidiare.

“Quindi, come possiamo trovare e liberare noi stessi?”

Forse ti stai chiedendo questo — ogni pensatore onesto deve chiederlo prima o poi.

Non vi è alcun modo semplice, nessun modo rapido, nessun modo a buon mercato. La via più efficace è dura, lunga e dolorosa. Ma tutte le anime grandi che siano mai vissute hanno scelto questo cammino. E più grande è l’anima, tanto più grande è la disponibilità.

Scegli sempre la cosa più difficile.

Ma la cosa più difficile diventa facile quando si desidera farlo. Scopri la tua attitudine e smussa gli angoli ruvidi del destino.

Associati con persone che hanno sviluppato se stessi, che fanno le cose — non che meramente hanno le cose. Lo scalatore sociale è giusto nel metodo, sebbene non nel movente, il modo per andare avanti è quello di seguire quelli che sono arrivati. Ti piace stare con coloro che sai che sono superiori a te stesso? Allora i tuoi poteri sono in linea per lo sviluppo.

Ma non chiamare alcun uomo tuo superiore, semplicemente chiama l’uomo davanti a te tuo predecessore; chiama te stesso grande quanto il più grande, poi sii all’altezza dell’acclamazione.

Sii solo per la maggior parte del tempo. La solitudine è il luogo di nascita di idee forti, piani sottili e scopi sani.

Chiedi a qualche amico gentile di dirti esattamente cosa pensa di te. Raddoppia le sue doti e le sue critiche. Così avrai una buona idea di cosa vuoi diventare, e di ciò che sei ora. Nessun amico ha mai visto il nostro meglio — o osato dipingere il nostro lato peggiore.

Resta in contatto con la letteratura corrente della sua attività o professione. Che tu sia un commerciante o un metafisico, un medico o un costruttore, una casalinga o un insegnante, ci sono libri e riviste in corso di pubblicazione, che daranno una grossa spinta al tuo lavoro, suggerendo modi per economizzare il tuo dispendio di tempo, pensiero e denaro. Qualunque sia la vocazione che persegui, tieniti in contatto con le migliori menti e lascia che il tuo cervello sia affilato costantemente da nuove idee da qualsiasi fonte disponibile.

Impara a risparmiare movimenti nel tuo lavoro. Questo ti darà il tempo per qualcosa di più prezioso del lavoro.

Acquisisci padronanza di una cosa alla volta. È una gioia destreggiarsi con le parole, una gioia destreggiarsi con i pensieri, una gioia destreggiarsi con le azioni, una gioia destreggiarsi con i sentimenti, una gioia destreggiarsi con gli eventi, una gioia destreggiarsi con le persone.

Ma ciascuna di queste forme di maestria è uno studio in se stesso, chi si è laureato in un ramo delle arti e della conoscenza deve immediatamente entrare in un altro.

Effettua un accurato, sistematico, persistente, studio delle opportunità intorno a te. Le persone scontente sono semplicemente cieche. Ci sono porte che si aprono in ogni momento, che la maggior parte non vede perché guardano alle stelle o al fango. La volontà di affrontare la vita spazza via la maggior parte delle ombre che meramente toccano la vita.

Abbi fede nel tuo sogno. È il seme del tuo destino, non permettere a una folata del Destino di spazzarla via, nessuno te lo porterà via, nessuna battaglia lo schiaccerà. Dai sogni crescono imperi. Noi siamo maestri del Fato e possediamo tutto il mondo, finché ancora manteniamo la presa sul nostro sogno.

Sorgente: Edward Earle Purinton

Fonte: http://www.pensieroostinatoecontrario.it/2016/04/20/poteri-inutilizzati-edward-earle-purinton/

La Filosofia del Digiuno Edward Earle Purinton La Filosofia del Digiuno
Edward Earle PurintonCompralo su il Giardino dei Libri

.