Red Fish

PAROLE CHE COSTRUISCONO IL BENESSERE

Meister_des_Hildegardis-Codex_001_cropped

Uovo Cosmico di Hildegarda von Bingen

Nella kabbalah, grazie all’amico Riccardo Mantelli studioso di questo antico sapere, ho trovato conferma su quanto scritto dai nostri preparatissimi astrologi che più frequentemente pubblichiamo, la signora Stefania Marinelli e Francesco Akash  Ballarini.

La Kabbalah ci esorta ad esprimere il meglio che possiamo nei giorni a venire e naturalmente anche in seguito!

Articolo di Karen Berg

Questa settimana entriamo in un periodo di 21 giorni che i kabbalisti chiamano Ben HaMetzarim, che è spesso considerato come le tre settimane più “negative” dell’anno. Ho messo la parola “negativo” tra virgolette per un motivo, perché Rav Berg ha spesso insegnato che ha il potenziale per essere uno dei periodi più positivi. Questa è la dualità del mondo materiale che è collegato l’albero della conoscenza Bene e del Male. Anche la parola “evil”, scritto al contrario diventa la parola “live”. Nella misura in cui vi è il buio, ci viene data l’opportunità di rivelare un pari livello di Luce.

Quindi la domanda diventa, come possiamo farlo? Cosa possiamo fare, in particolare, nei prossimi 7 giorni, per iniziare il processo trasformando queste settimane nelle più positive del nostro anno, piuttosto che nelle più negative come naturalmente potrebbero essere?

Per le risposte, cerchiamo nello Zohar. La porzione di questa settimana, Matot, tratta per lo più delle promesse e del potere della parola. I kabbalisti insegnano che Dio ha concesso a tutti noi il potere di creare, con le nostre parole, angeli. Per ogni parola negativa che diciamo, creiamo un angelo il cui scopo è avviare oscurità. Con ogni parola positiva che diciamo, creiamo un angelo che irradia Luce.

Naturalmente, non le parole in sè, ma tutte le parole hanno il potenziale per essere negative o positive, ciò che conta è come e perché le usiamo – per costruire, o distruggere. Il Rav diceva sempre che ci vuole un attimo per distruggere e ci vogliono anni per costruire. Potremmo usare le nostre parole per pettegolezzi su un amico di lunga data, per rimproverare duramente qualcuno, o anche usare le nostre parole per svalutare noi stessi o rimproverarci ( “Sono così stupido, perché l’ho fatto?”). D’altra parte, possiamo usare le nostre parole per portare luce nella giornata di qualcuno, o partecipare al dolore di qualcuno, con un semplice “ho capito”, o semplicemente dire a qualcuno che è importante.

In questo modo, possiamo cominciare a vedere che per gli angeli, ogni parola è una promessa e che gli angeli non hanno libero arbitrio, e quindi devono portare avanti l’energia con cui sono pronunciate le nostre parole.

In questa prima settimana di Ben HaMetzarim, usiamo le nostre parole per Riempire il Mondo di Luce. Nel corso dei prossimi 7 giorni, usiamo parole gentili verso gli altri e verso noi stessi. Cerchiamo di pronunciare parole che costruiscono – parole di saggezza, pace, e amore – e così facendo riempiamo il mondo con angeli positivi che possono elevarci sulle loro ali. Vi invito a condividere questa opportunità con altri in modo che possiamo moltiplicare i nostri sforzi con migliaia e migliaia di persone, attraverso le quale possiamo modificare l’energia che esiste oggi nel mondo, e forse alla fine di Ben HaMetzarim, sarà il mondo migliore grazie ad esso.

Questa settimana, fate in modo che le vostre parole costruiscano il vostro vero Nord.

Vi auguro una settimana benedetta,
Karen

Fonte: https://www.facebook.com/Kabbalah.Centre.Italy/photos/a.248258675289806.55593.124190317696643/1016211131827886/?type=3&theater