Il Codice Michelangelo

Un codice segreto nascosto sotto gli affreschi della Cappella Sistina, voluto da Michelangelo per lanciare un messaggio attraverso la sua passione per il disegno anatomico e la sua attenzione maniacale per i particolari del corpo umano. Gli esperti americani di neuroanatomia Ian Suk e Rafael...

SERVITI DEI TUOI SENSI E DEL TUO CORPO…

Sii in ogni momento e non emettere alcun pensiero limitante o giudicante. Non pensarti come un Essere dotato di braccia e gambe, ma più che altro come ad un prolungamento del tuo più grande ideale...

State molto attenti a non far piangere una donna:

poi Dio conta le sue lacrime! La donna è uscita dalla costola dell’uomo, non dai suoi piedi perché debba essere pestata, né dalla testa per essere superiore, ma dal fianco per essere uguale…. un po’ più in basso del braccio per essere protetta e dal lato del cuore per essere amata. dal...

DONNA….

Per tutte le violenze consumate su di Lei, per tutte le umiliazioni che ha subìto, per il suo corpo che avete sfruttato, per la sua intelligenza che avete calpestato, per l'ignoranza in cui l'avete lasciata, per la libertà che le avete negato, per la bocca...

AVERE IN SE LA VERITA’

Avere in sé la verità, ma non servirsene praticamente, potrebbe essere paragonato  all’accumulo di pietre preziose; cosa assai sciocca ed inutile. Per la conoscenza, come per la ricchezza, vale l’uso; legge questa, di tale portata che chi la trasgredisce, è destinato a soffrire, poiché si volge contro...

Causalità

«Per ogni causa un effetto; ogni effetto ha la sua causa; tutto avviene in conformità alla legge, il caso è solo il nome per quel che non conosciamo; molti sono i piani di causalità, ma, nulla sfugge alla legge » IL KYBALION ...

IL KIBALION

Questo libro è il risultato di una trasmissione orale, da iniziato a iniziato, della dottrina ermetica attraverso i secoli. Questa catena attraverso il tempo è stata designata "Kybalion". la sua conoscenza abbraccia i rapporti tra l'uomo e la natura. La sua pratica rende l'Iniziato "re...

ERMETE TRISMEGISTO

“Di tutto il creato, l’uomo è l’unico essere duplice: mortale secondo la sua corporeità, immortale secondo la sua essenza”. Ermete Trimegisto Ermete Trismegisto (dal greco antico Ἑρμῆς ὁ Τρισμέγιστος, in latino Mercurius ter Maximus) è un personaggio leggendario dell'età ellenistica, a volte considerato come...

SIAMO AGLI ALBORI DI UN NUOVO MONDO

Si intravedono le prime luci in un nuovo modo di essere e di sentire la vita, l’unità, il bisogno di giustizia, di verità, prosperità e benessere di tutti; è la coscienza organica che emerge e cresce di giorno in giorno...

Nulla al mondo…

Nulla al mondo è più molle e più debole dell'acqua eppur nell'abradere ciò che è duro e forte nessuno riesce a superarla, nell'uso nulla può cambiarla. La debolezza vince la forza, la mollezza vince la durezza: al mondo non v'è nessuno che non lo sappia, ma nessuno v'è che sia...

Acqua riflessa…

Esiste forse qualcosa di più straordinario del Caos riflesso sull'acqua? Perchè di questo si tratta, l'immagine non fà che specchiare quell'universo di emozioni umane rese visibili grazie all'acqua. E l'acqua ci specchia, fuori e dentro, ci protegge nel ventre materno, è fonte di vita, ci soccorre in ogni momento sia che entri oppure esca...

Diceva un saggio filosofo:

Sai cosa significa imparare? Quando impari veramente, impari dalla vita; non c'è un insegnante particolare da cui imparare. Tutto ti è di insegnamento: una foglia morta, un uccello in volo, un profumo, una lacrima, il ricco e il povero, coloro che piangono,  il sorriso di una donna, l'alterigia di un uomo. Impari da...

Quanti dicono di cercare la luce!

E non si può dubitare che siano sinceri; hanno capito che è meglio esseri illuminati piuttosto che rimanere nell’oscurità. Tuttavia, vogliono una luce che non esiga sforzi, così non si fermano da nessuna parte per fare un lavoro in profondità. Passano da un libro all'altro, da un...

Poesia di Gibran da “Il Profeta”

Nessuno può insegnarvi nulla se non ciò che già sonnecchia nell’albeggiare della vostra conoscenza. Il maestro che cammina all’ombra del tempio tra i discepoli non elargisce la sua sapienza, ma piuttosto la sua fede e il suo amore. E se davvero è saggio, non v’invita ad entrare...