IL MAGICO POTERE DEL RIORDINO

zen

Guardando le classifiche dei libri più venduti tra i primi 100 questo libro mi ha attratta. L’ordine interiore è essenziale per la crescita personale ma lo specchio lo troviamo nell’ordine esteriore e sinceramente il più delle volte lascia alquanto a desiderare, ho pensato che questo libro può essermi utile, è noto che i giapponesi sono meglio organizzati e soprattutto essenzialisti anche nelle loro case. Condivido con voi queste riflessioni e il libro che ho acquistato.

Estratto:
(…) Di solito, quando dico che il mio lavoro consiste nel dare lezioni di riordino, tutti spalancano gli occhi per la sorpresa: «Esiste un lavoro del genere?», oppure: «Il riordino è una cosa che si studia?».

Pensate alla vostra infanzia. «Metti in ordine la tua stanza!», vi intimavano i genitori quando li facevate arrabbiare; ma non sono forse pochi i fortunati cui riordinare è stato insegnato come parte della propria educazione? Secondo un sondaggio, le persone che hanno studiato teoricamente il metodo del riordino sono meno dello 0,5%. Tanto per cominciare, quegli stessi genitori che ci facevano sistemare la nostra stanza non avevano mai imparato a loro volta il modo corretto di riordinare.

In altre parole, quasi tutti riordinano da autodidatti.

Non solo a casa, ma anche a scuola non viene data molta importanza a questo argomento.

Quando ci chiedono: «Che scene ti vengono in mente ripensando alle lezioni di economia domestica?», la maggior parte dei ricordi riguarda sicuramente le chiassose lezioni di cucina in cui si preparavano gli hamburger, o quando bisognava cucire a macchina dei grembiuli e nessuno sapeva come fare.

La verità è che, nei libri di economia domestica delle elementari e delle medie, le parti dedicate al riordino sono molto meno consistenti di quelle dedicate alla cucina e al cucito. Inoltre, queste parti vengono liquidate leggendole ad alta voce in classe, o addirittura, se assegnate per casa, vengono saltate per passare al tanto amato argomento dell’«importanza di una dieta sana».

Vista la situazione, persino quei pochi diplomati in economia domestica che hanno studiato come si riordina, nella realtà non sanno riordinare.

Nonostante la cura della casa dovrebbe essere considerata una necessità primaria alla stregua del mangiare e del vestirsi, il riordino – che è una componente importante della gestione di una casa – viene puntualmente ignorato al punto che è opinione diffusa tra i giapponesi che «il riordino, rispetto alle cose che si studiano a scuola, può essere appreso con l’esperienza».

Perciò, più aumentano gli anni che passiamo a fare pratica, o meglio a «fare i conti col riordino», meno impariamo a riordinare in modo corretto.

A dire il vero, il 25% delle persone che frequentano le mie lezioni sono signore cinquantenni. Molte di loro sono «veterane» delle faccende domestiche e hanno fatto le casalinghe a tempo pieno per quasi trent’anni. Verrebbe da pensare che sappiano riordinare meglio di ragazze ventenni, ma è esattamente l’opposto. Continuando a mettere in pratica quei metodi sbagliati dati per scontati, ci sono molte persone che hanno le case inondate da oggetti superflui e impazziscono dietro a metodi di organizzazione impossibili.

È evidente che non hanno mai imparato il sistema giusto per riordinare, quindi non sapere come fare è abbastanza normale per chiunque.

Nonostante tutto non bisogna scoraggiarsi, è finalmente arrivato il momento di imparare. Studiando questo metodo insieme a me e mettendolo in pratica, riuscirete a liberarvi dall’incubo di non saper riordinare.

Non è vero che mettere in ordine tutto in una volta crea un effetto boomerang!

«Quando mi accorgo del disordine metto a posto una volta per tutte, ma dopo poco tempo mi ritrovo da capo con la stanza sottosopra.»

Di fronte a questo problema la classica risposta è: «Se metti in ordine tutto in una volta subirai l’effetto boomerang! Prendi la sana abitudine di mettere a posto poco per volta, ma quotidianamente» (…)

(…) Per questo il riordino va affrontato tutto in una volta. È questo il punto più importante per evitare l’effetto boomerang.

L’effetto boomerang, infatti, non dipende dalla casa o dagli oggetti, ma dalla mentalità di chi riordina. In altre parole, anche con la buona volontà di rimettere a posto, se non si sa di preciso come andare avanti, persino la fiamma della buona volontà si spegne. Non trovate che sia difficile farsi un’idea di qualcosa se non si vedono i risultati?

Affinché il riordino sia efficace, è necessario che sortisca il suo effetto attraverso un metodo giusto e nell’arco di poco tempo.

Mettete in ordine tutto in una volta nel modo corretto. Così facendo, i risultati saranno visibili in fretta. Sarete in grado di andare avanti da soli e di mantenere i vostri spazi in ordine.

Posso affermare sinceramente che, dopo aver sperimentato questo procedimento, a nessuno capiterà una seconda volta di trovarsi in una situazione di disordine in casa. (…)

 

Il Magico Potere del Riordino Marie Kondo Il Magico Potere del Riordino
Il metodo giapponese che trasforma i vostri spazi e la vostra vita
Marie Kondo

Compralo su il Giardino dei Libri

Il Magico Potere del Riordino - eBook Marie Kondo Il Magico Potere del Riordino (eBook)
Il metodo giapponese che trasforma i vostri spazi e la vostra vita
Marie Kondo

Compralo su il Giardino dei Libri

Il Magico Potere del Riordino - Audiolibro Marie Kondo Il Magico Potere del Riordino – Audiolibro 1 CD Mp3
Il metodo giapponese che trasforma i vostri spazi e la vostra vita
Marie Kondo

Compralo su il Giardino dei Libri