voci

LE VOCI NELLA TESTA

voci
La considerazione e l’approvazione da parte degli altri è solo un manichino su cui fondiamo un’identità illusoria che pilota la nostra vita in una direzione che non ci appartiene.

La mente pensa che la vita che stiamo vivendo sia la sua. Riesce a convincerci di questo facendo in modo di farci credere di essere noi. In questo modo quando dici di essere libero di prendere decisioni è la tua mente a parlare. Come fa a creare e mantenere questa illusione? Lo fa attraverso le emozioni. Portando alcuni pensieri nella tua testa ti fa sentire bene, portando altri pensieri ti fa sentire male, è così che ti controlla, fino al momento in cui smetti di credere in quei pensieri rendendoti semplicemente conto che non sono tuoi

Non nasconderti dietro delle usanze, dei modi di dire e di fare che non sono tuoi. Perchè sei accondiscendente per paura di sembrare diverso? Ti accorgi di quanto giudichi te stesso addossandoti colpe che non sono tue? Non esistono colpe. Quella colpa che ti porti dietro ti fa diventare piccolo piccolo e ti dice che non puoi dire davvero cosa pensi. Ma attenzione. Dire cosa si pensa non equivale a giudicare o a urlare il proprio malessere, ma a prendere strade che non sono quelle degli altri, ma le proprie. La propria strada, quella autentica.
Smettila di preoccuparti. Quella “Forza” ha già risolto quei problemi per te. Devi solo chiederle di mostrarti le azioni da compiere.
L’unico modo per controllare un intero pianeta, è controllare le menti dei suoi abitanti lasciando credere che le loro decisioni siano partorite da loro stessi.

Le aspettative appartengono ad una mente che non sa.
Una mente che non sa, non può pretendere da se stessa le risposte.
Le indicazioni arrivano da un’altra frequenza.
Il compito della mente non è pensare, ma agire.

L’abilità del nemico sta nel rimanere invisibile e nell’iniettare l’idea comune che esso non esiste.
Avrai compreso a questo punto che esiste un nemico invisibile che ti da l’illusione che sia fuori. Ma forse non hai ancora preso coscienza che gli esseri umani da millenni sono come padroni di casa a metà. Sono diventati affittuari di un corpo e di una mente di cui si credono consapevoli proprietari ma stanno solo illudendosi di condurre un’esistenza normale. Non si sono accorti che sono soltantopadroni di casa per permettere ad invasori invisibili di vivere al posto loro, dando la totale illusione di pensare autonomamente quando invece egli – l’essere umano – non si accorge che è pensato da qualcosaltro. Infatti mentre la sua mente e il suo corpo rimangono a primo impatto intatti non si rende conto che è un inganno solo per continuare la sua vita apparentemente immutata, perchè ciò che viene presa da questi invasori parassiti, ciò che essi vogliono conquistare è la luce e l’energia della sua immortalità al di là di questo corpo e questa mente, ossia l’ANIMA. La maggior parte dell’umanità sta cedendo a questo inganno finendo per rimanere intrappolata in un dominio che potrebbe protrarsi ancora per millenni. Ma qualcuno ha intuito l’inganno e questo qualcuno sei tu e vorresti svelarlo a tutti. Ma gli invasori hanno ormai preso possesso della mente di tutti coloro che sono assuefatti dalla loro falsa vita arrivando pertanto a ritenere pazzi gli esseri umani che hanno deciso di spezzare le catene.

Non è una passeggiata come ce la descrivono, soprattutto dopo che inizi a percorrere la tua strada. La mente vuole annientare la tua vita che ritiene di sua proprietà e quella strada la vede come sbagliata.
Se fortifichi la fede nel contatto con quella “Forza” che ti guida, una volta preso e riconosciuto, ovviamente, vedrai che le difficoltà non saranno tali, perchè avrai gli strumenti per affrontare quei momenti che la mente vede come ostacoli e quella Forza sarà sempre lì con te a ricordarti chi sei
E’ come se fossimo un bambino che vede un fantasma. Quel fantasma è scatenato proprio da ciò che non vediamo, ciò da cui la mente si protegge. Portarlo a galla è un modo per scoprire come quel fantasma si è agganciato, come ha condizionato tutta la nostra vita e quindi poterlo finalmente guardare in faccia. La presenza è solo uno strumento per non “farsi pensare” da quello schema che dà origine al “fantasma”.
La maggior parte delle persone non partorisce davvero pensieri autonomi, ma indotti da quell’ombra e il danno, oltre la beffa, è che crediamo siano realmente i nostri.

Quella voce ti suggerisce, ti manipola, ti adula, ti corrompe, ti inganna, ti convince del falso, ti fa desiderare, ti circuisce, ti allontana dalla verità, ti avvicina all’illusione, ti fa credere tutto il contrario di tutto, ti addestra alla menzogna, all’ambizione, al raggiungimento di obiettivi che non ti appartengono, e si adopera fino alla tua morte per farti credere sia la tua voce ma quando lo scopri, ti fa credere sia quella dello Spirito e tu continui a darle retta.

MENTE, ANIMA e SPIRITO.
“Non esiste un risveglio positivo, nè uno negativo.
Esso è il risultato di un lavoro che non fa degli altri un oggetto su cui scagliare le proprie paure, ma un mezzo per comprendere chi davvero siete. Tutto ciò che vi appare come il mondo esterno a voi non lo avete creato voi, ma solo attirato per ricevere dei messaggi. La mente li interpreta in base a quello che si è costruita sulla realtà. Essa vede ciò che è fuori come un pericolo da cui proteggersi o come un’opportunità per star bene. Ma chi decide realmente cosa è meglio o peggio per essa?
L’Anima vuole essere ascoltata dalla mente che si riconosce come qualcosa di separato. Tu non sei la tua mente. Tu sei Anima. Ciò che rende felice la mente non coincide con ciò che l’Anima è giunta qui per fare, non coincide con la sua missione.

Spirito è sempre lì pronto a comunicare alla tua mente di agire secondo le sue indicazioni per salvare l’Anima ed esprimere ciò che lei è. Fuori di te non esistono proiezioni illusorie. Gli altri esistono, il mondo esiste, il bene e il male esistono, i demoni esistono. Non li hai creati tu. Le illusioni sono le tue continue fughe da una realtà che ti rifiuti continuamente di vedere e accettare.”

Claudio Guarini

CONTINUA SU: http://www.claudioguarini.it/2016/04/le-voci-nella-testa.html

Puntata sulla nostra WebRadio di Claudio Guarini e Antonio D'Elia: