2d77881900000578-3275627-rachelle_in_her_wedding_dress_and_jeremy_garrett_a_couple_from_o-a-18_1445212668507

LE LEGGI DELLA COPPIA EVOLUTIVA

2d77881900000578-3275627-rachelle_in_her_wedding_dress_and_jeremy_garrett_a_couple_from_o-a-18_1445212668507

La coppia non può e non deve essere composta da individui che si trovino al medesimo livello evolutivo. C’è una legge energetica ben precisa in accordo alla quale uno dei due partner deve stare più in alto dell’ altro. Nella nostra Via l’ archetipo della Coppia sulla cui frequenza dobbiamo “sintonizzarci” per essere a nostra volta Coppia è quello di Myriam e Yeshua. E Myriam non è mai stata pari a Yeshua nella loro vita terrena di coppia. Proprio questa asimmetria, d’altronde, ha fatto sì che nascesse una nuova Maestra. Noi desideriamo rapporti tra “pari” perché associamo la stabilità che ne deriverebbe al benessere. Ma la Vita non vuole stabilità. La Vita vuole sempre che qualcosa sia portato più in alto, affinché vi sia crescita. Perché ciò accada servono sempre due termini: ciò che sta già in alto e ciò che, non essendovi ancora, si lascia trarre verso l’ alto. Questa è la legge energetica che presiede al significato della Coppia. Quando Paolo dice “L’ uomo è capo della donna come il Cristo è capo della Chiesa” o ancora “L’uomo ami la donna come l’ Anima ama il proprio corpo” non parla tanto di differenze tra uomo e donna in carne ed ossa quanto di questa struttura archetipicamente gerarchica dell’ essere. Questa asimmetria nella struttura delle cose genera dinamismo, evoluzione, vita. E la Coppia deve attenersi alle leggi dell’ essere.

D’altronde è solo la nostra incapacità di vedere a farci ragionare in termini di “meglio” o “peggio”: il partner spiritualmente più elevato non è migliore, quello ancora più “terreno” non è peggiore: tutto infatti viene alla luce nell’ incontro della polarità spirito-materia e ognuno dei due termini è indispensabile all’ altro. Così come l’ elemento della coppia più identificato viene completato dalla spinta ascensionale del partner più “elevato”, così l’ altro, più vicino alle cose dello spirito, trae beneficio e arricchimento da una vibrazione più terrena, che lo radica maggiormente nel Regno della materia.

di Alessandro Baccaglini
Fonte: https://www.facebook.com/baccagliniperfectlove/