Tree-to-Sky-ipad-wallpaper-ilikewallpaper_com

INIZIA L’ERA DEL RADICAMENTO DEL CIELO IN TERRA – I NODI LUNARI TRA AQUARIO/LEONE – APRILE 2017/NOVEMBRE 2018

Tree-to-Sky-ipad-wallpaper-ilikewallpaper_com

Il 28 aprile 2017 alle ore 13,30 UTC i Nodi Lunari, simbolo del Viaggio Evolutivo della coscienza collettiva, cambiano Asse Zodiacale, soffiando un nuovo vento dentro il cuore e la mente. Clicca su questo LINK se vuoi approfondire il significato di questa configurazione astrologica. Essa è molto importante perché nella mappa di nascita i Nodi Lunari tracciano il percorso di apprendimento dell’Essere. Il Nodo chiamato Sud ha la forma di una coppa che contiene l’acqua della memoria delle vite precedenti. Dovunque cada, in un dato Segno ed in una data Casa, lì c’è ciò con cui ci identifichiamo, la zona confort, da cui sappiamo bene quanto sia necessario portarsi fuori. Necessario ma molto difficile perché fuori, nel Nodo Lunare Nord, l’acqua di quella memoria deve essere lasciata andare. Cioè ci si confronta con l’ignoto, dovendosi lasciare alle spalle le compensazioni e le strategie mentali di sopravvivenza. Le posizioni dei due Nodi sono opposte, così come il viaggio umano di apprendimento è un allontanarsi da una modalità per integrare mille altre sfaccettature. Quando nasciamo, facciamo esperienza di un determinato ambiente, poi l’evoluzione, la crescita, ci porta a sperimentare altro, a volte diametralmente opposto alla matrice da cui proveniamo. A volte le caratteristiche del Segno in cui cade il Nodo Sud possono prevalere su quelle del Segno di nascita. E’ un punto di vista interessante su cui confrontarsi. 

4175353_orig

Il transito dei Nodi Lunari è retrogrado, cioè si spostano all’indietro lungo lo Zodiaco, e sostano lungo lo stesso Asse per un anno e mezzo circa, in un Segno il Nodo Sud e in quello diametralmente opposto il Nodo Nord. Essi indicano il Cammino ai naviganti, mostrando quale sia la via vecchia da lasciare e quale strada si sta aprendo, con nuovi frutti.

Dall’ottobre 2015 al 27 aprile 2017 essi si sono trovati tra il Segno dei Pesci e quello della Vergine (QUI un post di approfondimento), Segni Mobili, che hanno portato cambiamenti enormi ed aperto varchi inimmaginabili nella Coscienza, da cui è penetrata una nuova frequenza di Luce. Ora si spostano tra l’Aquario ed il Leone, Segni Fissi, così da radicare quella frequenza nella dimensione del quotidiano, quella più lenta, a contatto con la Terra, affinché il cambiamento diventi Vita. Il loro transito dura fino a novembre 2018 e l’ultima volta che si è verificato è stato da settembre 1998 ad aprile 2000. Prima ancora da febbraio 1980 ad agosto 1981. Prima ancora da fine giugno 1961 a metà gennaio 1963.

Vediamo nel dettaglio i due Segni coinvolti, così da comprendere meglio il dono di questo transito. Intanto ci tengo a dire che questo passaggio interessa tutti a prescindere dal Segno di nascita. Ciascuno di noi ha un settore (Casa astrologica) nella propria mappa di nascita governato dall’Aquario e dal Leone, per cui saranno quei determinati campi esistenziali ad entrare in gioco. Per calcolare la vostra carta natale e verificare dove si trovano le Case astrologiche interessate a questo transito, andate su astrologando.it

L’Aquario ospita il Nodo Lunare Sud, quindi il passato che ritorna per essere lasciato andare. L’Aquario è un Segno d’Aria, collegato con il Mondo degli Ideali collettivi di fratellanza ed uguaglianza, di anticonformismo e di ricerca di libertà dagli schemi mentali prefissati. Lasciarsi alle spalle questi valori significa rendersi conto di quanto l’umanità si sia illusa di poter seguire ideali nobili senza essersi precedentemente allineata ad un livello più alto di Coscienza. Osservando i periodi precedenti in cui si è verificato questo passaggio, possiamo notare quanto si sia trattato di fasi di apertura verso cambiamenti epocali: l’alba della rivoluzione culturale degli anni 60, l’inizio dei mitici anni 80 ed infine esattamente nel passaggio del Nuovo Millennio. Adesso ci troviamo in un anno 1, alla chiusura del ciclo di 4 anni post 2012, il periodo di calibratura alle frequenze del Nuovo Tempo, così come è stato previsto da Kryon e dagli insegnamenti lasciati da Arguelles.  Ciò che ci aspetta è qualcosa di grande. La purificazione vissuta nell’ultimo anno e mezzo ha aperto la Coscienza alla possibilità di accogliere il nuovo, che ora si radica. Come? Sentendo naturale l’abbandonare tutto ciò che è finto, falsato, mascherato. Perché il Nodo Nord in Leone lascerà sopravvivere solo che è vero. Questo Segno di Fuoco è oro puro a livello simbolico, nella saggezza del Cuore.

Nell’Aquario si trovano i valori della Nuova Era, che ha assunto questo nome per segnare lo spostamento dell’asse della Coscienza nel cambio di centratura della Precessione degli Equinozi. Sappiamo di trovarci in una fase di mezzo. Viviamo a cavallo tra due millenni, a cavallo tra due epoche (l’Era dei Pesci e quella dell’Aquario), tra il vecchio mondo ed un altro che definire nuovo è estremamente riduttivo. Ciò che ci aspetta non è mai stato vissuto finora. E’ tutto da scrivere, e per farlo è necessario fare chiarezza tra verità e menzogna. Questo transito tra Aquario e Leone serve a far cadere le illusioni del vuoto, delle facciate che nascondono il nulla. Dopo che sarà finito, tra un anno e mezzo, non potremo che arrenderci all’evidenza (ovviamente accadrà anche durante il transito stesso). Ci vuole Cuore aperto, tanto Respiro ed un sano distacco emozionale per affrontare la verità perché se finora ci siamo illusi è stato per difesa. Quindi il primo strumento da sviluppare è la Compassione verso tutta la Vita e amorevolezza verso quelle parti di noi fragili e delicate.

Solo ciò che corrisponde alla verità del Cuore è destinato a sopravvivere e a passare oltre. Consideriamo che metà di questo transito sarà accompagnato da Saturno in Capricorno, da gennaio 2018 in poi, cioè il Maestro dell’Anima nel proprio regno. In questo Segno che governa, Saturno diventa il Guardiano della Soglia, a volte severo, a volte maggiormente predisposto. Solo la verità potrà passare. Il Maestro dell’Anima ed i Nodi creeranno un filtro fittissimo che sarà superato solo dalle coscienze che tenderanno naturalmente alla Luce. Non si tratta di temere di non passare, oppure cosa succede se non si passa, eccetera. Ciò significa seguire la paura, che è la prigione da cui stiamo uscendo. Si tratta invece di mettere a Fuoco (Nodo Nord in Leone) ciò che è fondamentale, ciò che racchiude tutto quello che nella vita ci libera il Respiro e alleggerisce la Mente facendo cantare il Cuore. E alla fine accadrà che usciremo dal tunnel ritrovando la luce, così come racconta chi vive le esperienze di NDE (near-death-experience – esperienze di quasi morte), solo che non sarà necessario lasciarsi indietro il corpo. Usciremo nella luce ancora indossando il corpo fisico, che brillerà dell’acquisita luminosità. Da qui a lì siamo chiamati a lasciar andare gli stati di coscienza che ci separano dalla beatitudine di sentirsi consapevolmente nutriti dalla Fonte stessa.

Seguiranno nei prossimi giorni post di descrizione del transito dei Nodi Lunari nelle 12 Case Astrologiche.

Stefania Gyan Salila

.