IL RANCORE

rancore

Portare rancore. Un proverbio buddista lo definisce come tenere carboni ardenti nelle proprie mani. Viene dal latino “rancido”, sta a significare portare dentro di sè qualcosa di marcio.

Il rancore arriva quando trasformiamo il dolore per una ferita che per sua natura guarirebbe in una sofferenza costante. Arriva se indossiamo gli abiti della vittima e non siamo disposti a riconciliarci.

Il rancore esclude, crea tensione, chiude il cuore, fa ammalare. Se serbiamo rancore probabilmente non vogliamo assumerci qualche responsabilità, e abbiamo agito in ritardo rispetto a qualcosa che ci stava accadendo.

Riconciliamoci con le ferite, guardandolo, facciamo un passo indietro rispetto al passato con un inchino, accogliendolo come maestro di vita, voltiamoci ora verso il futuro sollevando il capo, rivolti a quel mistero leggero che la vita ci offre quando siamo liberi dai pesi.

Daniele Ronchi

Il Proprio Posto nella Vita Il Proprio Posto nella VitaAttraverso il metodo delle costellazioni familiari sistematiche

Daniele Ronchi

Compralo su il Giardino dei Libri

Immaginate di trovare uno strumento in grado di fornirvi le risposte alle domande che vi ponete riguardo alle scelte che fate nella vita come genitori, fidanzati, amanti, coniugi, figli; e che questo si basi su alcune semplici regole, universali e pratiche, che applicate nella vita creano serenità e benessere.

Questo manuale illustra in maniera semplice e chiara il funzionamento delle costellazioni familiari sistemiche e vi fornisce questo strumento. Guida il lettore alla compilazione di un questionario di autoanalisi del proprio sistema familiare per comprendere le dinamiche che lo governano. Fornisce alcuni consigli pratici molto utili per migliorare il benessere di se stessi e della propria famiglia.

Buon viaggio nel profondo del vostro sistema, unico e straordinario.