cristalli-acqua-2

IL POTERE E LA MAGIA DELLA GRATITUDINE

cristalli-acqua-2
«Una certa fotografia di un cristallo d’acquami aveva profondamente commosso.
Non ho mai visto un cristallo più bello ed elegante.
Veniva da un’acqua che aveva visto la scrittaamore, grazie.
L’acqua si è rallegrata e ha sviluppato liberamente la propria formaproprio come un fiore che sboccia».
Masaru Emoto, La risposta dell’Acqua
 
A noi viene data una piccola porta, che diventa sempre piùgrande e una volta aperta ci conduce all’infinito.
Quell’infinito che è sentire e amare.
Che è l’origine di ogni cosa.
Questa porta è il nostro cuore, che ci connette alla vita, che ciconnette alla fonte.
La gratitudine è una delle chiavi che ci permettono di aprirequella porta.
Il cuore vibra ogni volta che diciamo grazie, perché il cuore amala gratitudine.
In questo mio libro voglio raccontare e trasmettere un messaggio importante, profondo e meraviglioso.

Qualcosa di magico che può toccare la vostra vita e trasformarla,come ha fatto con la mia.
Entrare in contatto con la gratitudine significa aprire il cuore a un grande sorriso.
Voglio portare quel sorriso a chi leggerà questo libro.
Un sorriso che rimarrà a lungo.
Questo è quello che desidero per voi.
 
Iniziamo da qui
 
«Un guerriero della luce non dimentica mai la gratitudine.
Durante la lotta è stato aiutato dagli angeli.
Le forze celesti hanno messo ogni cosa al proprio posto,
permettendo a lui di dare il meglio di sé».
Paulo Coelho, Manuale del guerriero della Luce
 
Lascio andare ogni pensiero, lascio ogni mia preoccupazione,ogni mia ansia. Ora non esistono. Respiro.
In questo momento esisto solo io e il mio sentire, che si fa ascolto, che si fa pace, che si fa gioia e luce.
E tutto diviene vita.La gratitudine è vita.E io sono nella vita.
Vivere nel ringraziamento, con stupore, mi permette di comprendere che tutto è un miracolo.
Grazie è il cuore che parla, l’orecchio che ascolta e l’occhio che vede.
In ogni mio respiro c’è un grazie che trasforma tutta l’esistenzain poesia, in musica, in danza, in gioia.
E tutto diviene luce.
Grazie, grazie, grazie.
 
Sii grato
 
«È così grande il piacere che si prova nell’incontrare un uomo grato,
che vale la pena rischiare di non essere un ingrato».
Seneca
 
Sii grato di tutto ciò che ricevi ogni giorno, tutto è un dono,tutto viene per te, per la tua gioia, per la tua ricchezza, per la tuaevoluzione, anche se oggi ti sembra di non comprenderlo.
Accetta ogni dono e ringrazia. Sii grato di essere parte dell’infinito che ti riempie di regali ogni giorno.
Accetta anche la sofferenza, è un dono inviato per te con amore infinito, perché tu possa giungere alla luce.
Solo ringraziando riesci ad amare chi ti ha creato e ti protegge,riesci a godere di tutto ciò che hai ricevuto e a farne buon uso.
Non dimenticarti mai di ringraziare, anche nelle giornate più nere, anche nei momenti più bui. Quelli sono i doni più grandi che l’Universo ti può fare. Sono i doni che ti permettono più di
ogni altro di intraprendere un percorso di luce, di intraprendere un percorso di consapevolezza e di coscienza, di ritornare al Padre.
Mentre ricevi apri il tuo cuore, ti accorgerai che se prima i doni che vedevi erano 3 ora sono 3.000.
Sii pronto a ricevere, oggi è un giorno speciale per te, sei amato, sei protetto, sei guidato. Le sfere celesti stanno preparando in ogni momento qualcosa di speciale per te, per il tuo cammino, per la tua crescita. Tu sei guidato verso il cielo, passo dopo passo, giorno dopo giorno: era già così ancor prima che tu venissi al mondo.
Quando hai scelto di vivere quest’esperienza terrena e hai scelto di vivere anche le tue esperienze di dolore, l’infinito da cui ti sei momentaneamente allontanato ti ha ringraziato con gioia, con amore infinito. E questa gratitudine ti accompagna in ogni tuo attimo, in ogni tua esperienza. Poiché viene sempre rinnovata, ogni giorno con maggiore forza e ancor più grande amore.

Ci sono molte cose di cui ci preoccupiamo e che non dimentichiamo mai. Facciamo liste, appunti, promemoria, abbiamo app apposite, notebook, palmari, tablet, cellulari. Tutto squilla per ricordarci qualcosa, qualcosa che il più delle volte ha poca importanza. Non ci dobbiamo mai dimenticare le bollette, le visite, gli appuntamenti e soprattutto non ci dobbiamo dimenticare di far notare a quella persona, che ci ha fatto un torto, quanto sia stata scorretta. Il nostro cuore, e dunque la nostra anima, ha invece bisogno di grandi respiri, di pace, di gioia. Il nostro cuore vuole ricevere pienamente, desidera aprirsi, e noi abbiamo bisogno di avere occhi per vedere finalmente tutto ciò che riceviamo. Questo è il segreto per trovare la pace.

Dobbiamo ringraziare, sempre.
Due, tre, mille volte. Anche per un semplice caffè che ci viene offerto ed è preparato con cura da un barista che nemmeno conosciamo, per il barbone che ci sorride all’angolo della strada, per la casa sgangherata in cui viviamo, per il messaggio che riceviamo da un amico, per i vestiti che possiamo indossare al mattino. Dobbiamo ringraziare per la compagnia degli amici e per il vicino di casa che ci rompe le scatole ma che così facendo
ci fa sentire la sua presenza. Dobbiamo ringraziare la vita che ci ama in ogni momento. Dobbiamo ringraziare perché riusciamo a vedere il mattino che nasce, affinché riusciamo poi a scorgere il nostro cammino, ad
allargare il nostro passo, a raggiungere la luce che è il nostro unico fine.

Così troveremo finalmente dentro di noi un respiro ampio e sereno. Una pace e una gioia che forse oggi nemmeno possiamo immaginare.

 Tratto da Il Potere e la Magia della Gratitudine di Ivan Nossa