IL FUOCO E LA NUOVA ERA (che succederà?)

Cari amici, però, sono difficili da accettare, ma è meglio che si tratti di uno strumento in più, ovvero l’incendio e l’esplosione.

 Non posso dilungarmi troppo in questa sede e mia intenzione, oltre che nelle parole del Maestro Tibetano, scritte tramite A. Bailey quasi novanta anni fa. Prima di citare letteralmente il nostro caro Maestro, faccio una piccola introduzione. È normalissimo che possedere certe cose, non comprenderle con chiarezza, ma sostenere il cuore anziché la mente razionale, e “sentirete” voi stessi la validità di queste visioni così intense.

Il Fuoco è il simbolo del Piano Mentale, e l’acqua del Piano Emotivo. Proprio noi, nelle vite precedenti, circa 13.500 anni fa, in un’epoca remota di cui abbiamo recuperato il ricordo cosciente, ci autodistruggemmo dopo millenni di civiltà, avendo abusato delle conoscenze, del progresso e dell’avanzato livello tecnologico che avevamo raggiunto. Gran parte dell’umanità fu spazzata via e sommersa dalle acque. L’umanità ricominciò da capo, abbassando il suo livello di coscienza ancora di più, nelle dimensioni inferiori.

Atlantide (la 4 ° Razza Radice dagli albori dell’umanità sulla Terra) finì il suo ciclo nell’autodistruzione. I più grandi di più, io sono più discepoli di più alto livello, sono riuscito a gestire l’imminente cataclisma e si spostarono con anticipo in zona sicure dove poter poi ricominciare. Il simbolo biblico di “Noè” è proprio collegato a questo aspetto. Coloro che sono ispirati da Dio (l’Anima), si prepararono, e poi si sono affidati alla guida sicura dell’Anima, per affrontare il momento di caos temporale e ripartire con più sicurezza al momento giusto.

 Ovviamente ci sono anche cause esoteriche che hanno portato a termine la storia di Atlantide una storia di degenerazione. Sono sufficienti all’intervento oscuro e negativo di una civiltà in particolare, che non è di origine terrestre, e che contribuisce a voler disordine negli esseri umani, allontanandoli dal loro Cuore e facendo dimenticare loro la vibrazione dell’Amore, portandoli in quella della paura.

Tale etnia extraterrestre giunse da Marte in un’epoca che è quasi impossibile datare con certezza e storicamente, e non c’è nessuna prova scientifica a sostegno. In questo caso è affidatario il ricordo e l’accesso ai Registri dell’Akasha, che contiene tutto, come in un internet cosmico.

Ad ogni modo, racconto etnia è l’ultimo pianeta in cui prosperò e sfruttò fino all’estremo: Marte. Tenete presente che non si può considerare il corpo emozionale, quindi non posso provare emozioni e non le conoscono. Il loro cuore è solo una pompa del sangue. Il mio corpo mentale è iper-sviluppato, per compensare la mancanza di mente emozionale, ma ancor più di un comportamento in contatto con la loro “Anima”, non ha accesso alla Mente Superiore (Intuitiva e piena d’amore), e dunque esasperano l’uso della mente logica, fredda, tecnologica, robotica, razionale, maschile.

Le loro credenze sono: conquista, guerra, tecnologia, controllo, potere, asservimento, distruzione, malattia, sfruttamento… Sfidare Dio stesso e comportarsi come conquistatori con piena facoltà e libero arbitrio di fare quello che vogliono ovunque vadano!

Ovviamente quando un essere umano prende coscienza di sé e del suo potere, e si risveglia spiritualmente, finalmente riconoscere di essere un Creatore e schiavo di nessuno. Poi quando il suo Cuore si apre, si inizia ad irradiare Luce e Amore, i “servi del potere oscuro” non possono più controllarlo, manipolarlo, gestire la sua vita, spaventarlo o illuderlo. E in un certo senso loro “temono” questa luce e questo amore dell’anima, perché sono immensamente più potenti di qualsiasi tecnologia robotica, informatica o militare.

Questi esseri non hanno nessun timore della distruzione, bene benissimo vengono tutelati dagli stessi, ogni scusa è buona per portare macro Forme-Pensiero di Paura e Dolore. Il bene però non è la distruzione di questo pianeta. Tutt’altro! Ciò che ha sempre cercato di fare è creare una massa di servi e schiavi inconsapevoli. Ammalati, impauriti e dunque, manipolabili.

Con gli strumenti di questa nuova razza, gli esseri umani hanno grandemente sviluppato il loro corpo mentale inferiore, forse pure troppo! Una compensazione del grande auto-annientamento di Atlantideo, generato dall’incontenibile energia emotiva del desiderio …

Considerare che siamo tutti polarizzati eccessivamente nel corpo mentale inferiore, l’emisfero razionale maschile.

Veloci, stressati, sempre nella “testa”, pieni di infiammazioni (intestinali, batteriche, cutanee, ecc.), Pieni di fastidi, mai presenti nel qui-e-ora, e sempre nel futuro e nella programmazione.

Questo grande disequilibrio sul piano mentale collettivo genera “infiammazioni”, una catena all’interno della coscienza collettiva. L’eccesso di energia mentale maschile, egocentrica e disarmonica, produce un errato uso delle potenze energetiche del fuoco.

Non vi parlerò neanche minimamente di quanto fuoco, bombe, missili, proiettili, ecc. sono stati usati a partire dal primo mondo fino ad oggi. Metteteci dentro anche le bombe nucleari e i più di duemila (2000) test nucleari fatti dalla maggior parte delle nazioni nella corsa all’armamento nucleare.

Inseriteci guerre di potere, petrolio e religiose, navi portaerei che sganciano missili, caccia bombardieri, elicotteri, mine e razzi … E sono una vaga idea di che errato uso del fuoco si sta facendo anche sul piano materiale.

Queste sono solo alcune considerazioni, certamente, dovrei parlarvi e dell’industria e di come si comportano nei confronti delle cose, della chimica e della robotica e per non parlare degli esperimenti condotti segretamente dalle basi militari di tutto il mondo!

Voglio che capiate bene che in questo mondo vale la regola: «Non si può toccare un fiore senza muovere anche una Stella». Tutto è connesso e ogni azione, gesto, pensiero, attività, ecc. è in continuazione effetti precisi. La legge di causa-effetto è sempre all’opera. Siamo noi a scegliere il nostro destino, sia individualmente sia collettivamente.

I nostri “fratelli oscuri” … ci sono molti problemi e mezzi molto forti e dolorosi. Anche questa è crescita …

Adesso vi citerò diretto il Maestro Tibetano, un essere straordinario al servizio dell’Umanità da secoli e secoli, che nonostante tutti i casini che combiniamo, non smette mai di amarci profondamente e servirci. Voglio solo ricordare l’importanza della responsabilità che hai nel cambiare la tua vita e fare la differenza.

Questo mondo può cambiare per effetto di pochi! Infatti “i pochi” che si Risvegliano hanno un effetto decisivo sui molti (la massa). Bastano pochi per creare cambiamenti collettivi, guarigione e luce! Quando tu cambi, ti trasformi, guarisci e ti “risvegli”, cambia tutto il mondo insieme a te! Lo yoga (Yoga del Fuoco) che ha già trasmesso i maestri per la veniente nuova era.

Il mio più grande, sentito e prezioso è augurio è che tu possa imboccare la Strada Luminosa: La Via del Cuore. Non temere di premere il tasto “off” ad una vita che magari non sopporti più e semplicemente alimentando con grande stress e fatica. Il tuo cuore ti parla e basta tu ascoltarlo. Segui la sua voce e abbi coraggio, perché le sorprese arriveranno, specie quando pensi che non ce le farai. Ma io Creatori non sono limiti, devi solo un fidarsi iniziale, quando la partenza sembra difficile, poi viene tutto da sé.

Come dice il Tibetano, il Fuoco deve iniziare l’avvento della Nuova Era (che risale molto lentamente a partire dal 2025), certe forme si devono distruggere prima Il tempo è più doloroso, ma può essere anche molto bello per vivere e vivere questo passaggio anche nella Gioia e nella Condivisione.

Risaniamo questo mondo: andiamo insieme dalla Mente al Cuore. Noi siamo quella Nuova Umanità che non distruggerà più questo pianeta con la sua ignoranza spirituale, ma creerà un Regno di Bellezza e Celebrazione per il Divino.

Auguri ad ogni Cuore! 

Ecco le parole del Maestro, buona lettura e interpretazione.

Un grande abbraccio cosmico

Andrea Zurlini

 

«Vi accennerò alcune cose riguardo alla parola sacra:” AUM “. Se usata dall’anima sul piano mentale, si vitalizza e accelera tutte le forme pensiero assicurando il successo del lavoro intrapreso. È interessante notare che ai tempi dell’Atlantide, la parola usata era “TAU”, pronunciata con una forza esplosiva racconto che le forme pensiero così energizzate e accelerate agivano inevitabilmente come un boomerang, tornando a colui che le aveva emesse. 

[…] Nella sua forma simbolica, la parola TAU è puro il simbolo della reincarnazione. È desiderio per la forma che produce il suo uso, ed è causa della ciclica e costante rinascita in una forma. Inoltre, è l’uso costante del TAU che determinò la sommersione finale nelle acque che spazzò via l’antica civiltà dell’Atlantide; mi bastano che un tempo non ci sia mai abbastanza potente per controbilanciare la forza del desiderio. […] L’umanità era ancora completamente trascinata da brama e desiderio, una storia che il desiderio congiunto di possessi e godimenti della forma spinse gli uomini, in senso esoterico, “nelle acque”. […] L’influenza del primo (TAU) è indebolendosi, mentre la potenza dell’AUM non è più così. […] Il suono dell’AUM, che simbolicamente è detto il “rombo di un fuoco che divampa” è il suono del piano mentale (e non emotivo come fu in Atlantide). […] il TAU, che porta con sé la nota del desiderio e dell’impulso un possedere ed esistere, è stato usato e condannato alla sua civiltà al disastro, così l’AUM può essere usato in modo scorretto e portare la sua civiltà nel fuoco! 

Questa è la verità alla base dell’insegnamento cristiano, frainteso, relativo al fuoco all’inferno ed al lago di fuoco. Essi descrivono simbolicamente la fine dell’epoca in cui la ci viltà del pianoforte mentale si aprirà ad un cataclisma finale, per quanto riguarda l’aspetto forma, proprio come la civiltà precedente trovò la sua fine nell’acqua. 

[…] Ora accennerò ad un fatto che viene spesso trascurato. Sul piano mentale il tempo non esiste; quindi l’equazione tempo non rientra nell’idea di una fine ultima per mezzo del fuoco. Non vi è un momento prestabilito per una catastrofe o un disastro. Tutto l’effetto è il luogo nella sfera mentale; non si potrebbe forse dire che già ora il fuoco dell’ansietà, del presente, della preoccupazione e della paura, i miei pensieri e assorba completamente la nostra attenzione mentale? Il suo compito è di purificare e di depurare; il destino in modo quindi che l’AUM compia il suo lavoro e chiunque sia in grado di farlo, frequentemente e con retta intenzione, affinché la purificazione del mondo possa procedere di pari passo. Devono essere bruciate e consumano molte cose che ostacolano la via all’emergere delle nuove idee e delle nuove forme archetipe. Queste ultime domineranno la nuova era e faranno sì che la parola dell’anima possa risuonare ed essere udita exotericamente ».

Trattato di Magia Bianca – AAB

Fonte: https://www.andreazurlini.it/single-post/2018/08/07/Il-Fuoco-e-la-Nuova-Era-che-succeder%C3%A0