ECCO IO FACCIO NUOVE TUTTE LE COSE

diogo-morgado-gesu-diavolo

«Non appena furono arrivati, riunirono la comunità e riferirono tutto quello che Dio aveva compiuto per mezzo loro e come aveva aperto ai pagani la porta della fede. » (At 14,27)

«E Colui che sedeva sul trono disse: “Ecco, io faccio nuove tutte le cose” » (Ap 21,5)

«Vi do un comandamento nuovo: che vi amiate gli uni gli altri; come io vi ho amato, così amatevi anche voi gli uni gli altri. Da questo tutti sapranno che siete miei discepoli, se avrete amore gli uni per gli altri”. » (Gv 13, 34-35)

Il Signore fa nuove tutte le cose. È la novità la chiave interpretativa della Parola di questa quinta domenica di pasqua. Il Signore fa cose nuove, ci da un comandamento nuovo, ci rende nuovi.

L’aggettivo “nuovo” si oppone a “vecchio”, “obsoleto”, aggettivi che identificano qualcosa che ormai non è più efficace. Nuovo è, allora, qualcosa di efficace, migliore. Ancora, l’aggettivo “nuovo” ci apre alla speranza, accende le nostre attese: da qui la gioia che accompagna l’inizio di un nuovo anno.

Quest’oggi il Signore ci dice che “fa nuove tutte le cose”, che fa cose nuove, inedite, efficaci. Non a caso il comandamento nuovo ci viene consegnato nell’ultima Cena, dopo che Gesù “avendo amato i suoi che erano nel mondo, li amò sino alla fine” (cf. Gv 13, 1); dopo che Giuda è uscito nella notte per compiere gli ultimi atti che porteranno Gesù alla donazione totale di se sulla croce.

I discepoli conoscevano sicuramente il comandamento dell’amore espresso nell’Antico Testamento: «amerai il tuo prossimo come te stesso» (Lev. 19,18). Un comandamento già arduo che dava come parametro dell’amore al prossimo, l’amore per se stessi. Ecco, allora, che sono chiamato a fare al prossimo ciò che vorrei fosse fatto a me: come vorrei essere soccorso nel bisogno, così devo soccorrere il fratello; come vorrei essere accolto, così devo accogliere il fratello; come voglio essere perdonato quando sbaglio, così devo perdonare il fratello …

Il comandamento di Gesù è nuovo perché supera l’antico: parametro di confronto non è più l’amore per se stessi, ma l’amore che Gesù ci ha mostrato in tutta la sua vita di donazione che si conclude con l’estrema donazione sulla croce. L’amore per se stessi non è più il limite all’amore per il fratello: Gesù ci ha donato un amore capace di espropriarsi, di dimenticarsi di se, di donarsi totalmente e gratuitamente.

La novità del comandamento, però, non è solo nella formulazione, ma anche nella capacità nuova che Gesù ci dà. L’uomo vecchio, non vivificato dallo Spirito, non innestato nella morte e resurrezione di Cristo, non è capace di amare in questo modo. Ma l’uomo nuovo, morto e risorto con Cristo e in cui è effuso lo spirito di Dio, costui trova in se una forza sconosciuta che gli permette di amare come Gesù ci ama. In noi questa forza è presente, ma spesso è sopita, come un seme gettato nella terra che aspetta le condizioni essenziali al suo sviluppo …

Come fare a essere uomini/donne nuovi capaci di vivere il comandamento nuovo? Credo che in questo ci possa venire in aiuto il Serafico Padre Francesco che “sine glossa” vuole vivere il Vangelo. Francesco, infatti, si pone dinanzi il Vangelo in atteggiamento di estrema obbedienza: compie immediatamente ciò che comprende e facendo comprende sempre meglio. La stessa cosa vale per il comandamento dell’amore, per la vita nuova presente in noi: nutrendoci dei sacramenti, segni efficaci dell’amore di Dio per noi, amiamo come meglio possiamo, amiamo nella misura in cui siamo capaci; ciò ci trasformerà, ci farà sempre più nuovi. Dicendolo con S. Agostino:
«È questo amore che ci rinnova, rendendoci uomini nuovi, eredi del Testamento nuovo, cantori del cantico nuovo».

Solo così saremo riconoscibili come discepoli del Signore e il nostro annuncio sarà credibile.

Fra Marco.

Fonte: http://amorecontro.myblog.it/2010/05/02/ecco-io-faccio-nuovwe-tutte-le-cose/