CHI MI ASCOLTA?

comunicare
Dio: So cosa stai pensando. Io parlo con tutti, continuamente, con la voce di ciascuno di voi.
La domanda è: Chi mi ascolta?

Dio: E stata gridata dalla più alta montagna, nei luoghi più infimi si è udito il suo sussurro. Lungo i canali di tutte le esperienze umane è riecheggiata questa verità. La risposta è: L’amore.
Dio: Voi avete proiettato su di me il ruolo di padre e avete plasmato l’idea di un Dio che giudica, premia e punisce. Voi avete creato intorno all’amore una realtà basata sulla paura, e questa realtà basata sulla paura domina la vostra esperienza dell’amore. E questa che le da l’impronta. E della paura che avete bisogno per essere, fare, avere ciò che è intrinsecamente giusto? Dovete essere minacciati per essere buoni? E che cosa significa essere buoni? Chi pronuncerà la parola definitiva su questo argomento?
Vi do io la risposta. Siete voi a stabilire le vostre regole. Siete voi a fissare le linee guida. L’amore è tutto ciò che esiste. Lo so, lo avete già sentito e anche letto chissà quante volte, ma quando affrontate difficoltà, preoccupazioni, dubbi o paure, voi preferite dimenticarlo. Ciò che dovreste fare invece, è quello di rispondere a questa semplice domanda: Cosa farebbe ora lamore?
Dio: Vivete la vostra vita senza aspettative, senza il bisogno di risultati specifici. Questa è la libertà.
Dio: Ricordate, voi siete costantemente nell’atto di creare voi stessi. In ogni momento voi decidete chi e che cosa siete. Lo decidete attraverso le scelte che fate in relazione alle persone e alle cose per cui provate passione.
Neale: Sono un po preoccupato per ciò che penserà la gente quando dirò che ho una conversazione con te.
Dio: La preoccupazione è l’attività di una mente che non comprende la sua relazione con me.
Neale: Già!
Dio: Ricordi la domanda Che cosa farebbe ora l’amore?
Neale: Certamente!
Dio: Rispondi a questa domanda Neale, e io sarò li, sempre, ed in qualsiasi modo.
Dio: La sofferenza non ha nulla a che fare con gli eventi, ma con la reazione che ciascuno ha verso di essi. Ciò che accade, è solo ciò che accade, ma come noi lo percepiamo è unaltra questione.
Neale: Io rivoglio solo la mia vita.
Dio: Non puoi avere tutto ciò che vuoi.
Neale: Scusa?!
Dio: Scusa per cosa?
Neale: Non posso avere tutto ciò che voglio?
Dio: E vero.
Neale: Cosa?
Dio: Non puoi avere tutto ciò che vuoi!
Neale: Non posso avere tutto ciò che voglio!
Dio: Esatto.
Neale: Ma questo non ha alcun senso.
Dio: Si che ne ha. La tua richiesta è una dichiarazione che ti manca qualcosa, e il dichiararlo produce quella precisa esperienza, il senso della mancanza nella tua realtà.
Neale: Giusto.
Dio: Quindi dovei punirti perché hai fatto una scelta che io stesso ti ho messo di fronte?! Questa è la domanda a cui devi rispondere prima di assegnarmi il ruolo di un Dio che condanna.
Dio: Infinite volte mi hai implorato di mostrarmi, di spiegarmi, di rivelarmi. E ora lo sto facendo in modo così chiaro che tu non possa fraintendere. Io sono qui, proprio qui. Adesso.
E’ il momento di ritirarti nel tuo spazio divino. Ora più che mai. Questo ti porterà una grande pace dello spirito, e da uno spirito in pace fluiscono grandi idee. Idee che potrebbero essere la soluzione ai problemi più grandi che credi di avere.
Dio: Credi che per me questo sia un problema troppo grande da risolvere? Che uscire da questo marasma, per me, sia troppo difficile? Capisco che pensi che per te sia troppo difficile, nonostante tutti gli strumenti che ti ho fornito, ma credi veramente che sia troppo difficile anche per me?
Neale: A volte mi porti all’esasperazione.
Dio: Io penso che questo sia un bene.

Neale: Io non capisco cosa vuoi da me?
Dio: Neale voi mi avete frainteso. E avete frainteso anche voi stessi. Io non voglio altro se non la vostra felicità. Ma voi credete di essere sottoposti a me, quando invece siamo tutti una cosa sola. Non esiste separazione. Io voglio per voi quello che voi volete per voi, niente di più, niente di meno.
Dio: Io non sono interessato al vostro successo terreno, solo voi lo siete. Non dovete preoccuparvi di come andare avanti. I veri maestri sono coloro che hanno scelto di vivere, non di sopravvivere. Va avanti. Fa qualsiasi cosa ami veramente. Non fare altro. Hai così poco tempo. Come puoi pensare di sprecare anche un solo momento facendo qualcosa che non ti piace ? Questo non è vivere, questo è morire.
.

LINK CORRELATI:
http://www.visionealchemica.com/tag/neale-donald-walsch/
FILM COMPLETO