13308221-albero-di-ricchezza-con-il-denaro-e-lingotti-appeso-creare-un-vettore

BUSINESS E SPIRITUALITA’

13308221-albero-di-ricchezza-con-il-denaro-e-lingotti-appeso-creare-un-vettorePunto primo “business” significa “affare, faccenda, compito, impresa, etc.” quindi è un termine che designa qualcosa di pratico di cui vi occupate, un vostro progetto di qualunque tipo.

Se poi si tratta di un’attività da cui vi aspettate anche una remunerazione economica questi sono “affari” vostri, appunto. Quindi teniamo a freno le fameliche egregore del “…epperò Gesù non si faceva pagare…”, pleaaaase.

Qui parlo di come rispettare anche nelle occupazioni materiali le leggi dello Spirito – che poi sono leggi dell’energia.

La legge fondamentale da osservare nel Business è la stessa che -dopotutto- dev’essere osservata in ogni altro aspetto della propria esistenza ed è il principio fondamentale cui Gesù faceva costantemente riferimento: l’Amore. Amore che -insegnava- non è un semplice stato d’animo, ma l’essenza di tutte le cose, la forza e l’energia che vive in tutti gli esseri. “Dio è Amore” -scrive l’Apostolo Giovanni, che aveva ben compreso le parole del suo Maestro.

Ora, cosa viene detto praticamente in ogni riga dei Vangeli, seppure in modi differenti? Che l’Amore non si chiede e non si riceve ma si dà.

Chi desidera tornare Perfetto come lo è il Padre deve divenire nuovamente il centro del suo mondo, elargendo Amore a ogni manifestazione della vita in modo incondizionato e smisurato, con la Magnificente Regalità di un Sovrano.

Il potente che -secondo i crismi del mondo- desidera prendere con la forza o con l’astuzia è in realtà un mendicante e sarà considerato infimo nel Regno di Dio -spiega con pazienza Gesù.

Il più grande è invece colui che dà, offre, ama e serve tutto e tutti. Perché in questo modo soltanto noi torniamo simili al Sole, a Dio che governa su tutte le cose perché rimane assolutamente al centro e dona e irradia Vita senza limiti né condizioni.

Può sembrare banale e anche un po’ dissacrante, ma questo stato dell’essere dev’essere portato anche nella promozione e nella gestione di una qualunque attività commerciale e non. Era d’altronde Gesù stesso che, dopo aver istruito i suoi sulle Leggi dell’Amore, li invitava a non essere sprovveduti ma a farsi astuti come serpenti e a eguagliare in scaltrezza i commercianti della terra. Un amante appassionato e generoso ma anche un operaio astuto e scaltro: così ha da essere il Servo del Signore.

Se dunque volete -ad esempio- far conoscere i vostri corsi o far crescere un blog, il vostro imperativo dev’essere: DARE. Mai chiedere. Il Sole non domanda se vuoi il suo calore: tu lo cerchi perché esso è prezioso e unico.

Allora non preoccupatevi di come accalappiare i vostri “followers”: voi date. Pubblicate contenuti di qualità e fatelo con l’intento sincero di offrire gratuitamente ciò che i vostri talenti possono dare. Trasformate voi stessi, la vostra attività, la vostra pagina in un Sole, un centro che irradia. Anche se avete un solo “like” in questo momento non importa, sarà il vostro stato interiore a premiarvi. Create un punto -fisico o virtuale- di irradiazione e iniziate a scrivere articoli, a pubblicare video, foto, a tenere corsi, attività, non importa cosa. Siate al centro per offrire. Man mano che cresce di volume il Sole acquista poco a poco la gravità per reggere un intero sistema solare.

Le leggi dell’energia sono sempre state valide, ma oggi le persone iniziano a percepirle anche in modo consapevole.
Se scrivete un post non per passione, ma per “fare contenuto” nella vostra pagina (dunque segretamente non per dare ma per chiedere) questo si percepirà.
Se ogni giorno pubblicate qualcosa “tanto per” -magari “copincollando” da qui o là- anziché riversare la sovrabbondanza del vostro talento in ogni riga, si percepirà.

Evitate tassativamente di infilare proposte di comprare i vostri prodotti o iscriversi ai vostri corsi quando state offrendo contenuti.
Evitate -a costo della vita- di creare siti che chiedono ai vostri utenti di compilare iscrizioni o finestre automatiche che ammiccano a questa o quella offerta.
Non chiedete -mai, meglio la Croce- cose del tipo “iscriviti alla mia pagina, aiutami a promuovere, fai girare…”. Siate Regali.

Potete al massimo informare, di quando in quando, che avrà luogo quell’evento. Che è disponibile quel prodotto. Ma come il Re che porge un’opportunità, non come la prostituta che chiede di essere comprata.

Soprattutto quando comunicate con le persone -a voce, per iscritto, o in qualunque altro modo- non cercate mai di individuare i loro bisogni suggerendo poi di poterli colmare -in modi più o meno espliciti.

Dunque evitate persino di usare titoli o formule come “Scopri come guadagnare di più…”; “Risolvi i tuoi problemi di coppia…”; “Ecco la nuova meditazione per migliorare…”. I vostri Fratelli non sono mendicanti!

Mettevi piuttosto in Ascolto della loro Essenza, del Seme nascosto della loro Divinità e cercate -come potete- di irrorarlo e nutrirlo.

Se è nel vostro cammino di fare del Servizio ANCHE un’attività commerciale questo sarà meraviglioso, perché c’è bisogno, ora, di portare il Fuoco nella Terra. Ma questo sarà un effetto collaterale.

Il vostro intento è dare. Il vostro interrogativo dev’essere: come posso servire?

E non si può servire a due padroni.

Fate ciò che fate -sempre-, anche sul posto di lavoro, non come mendicanti di Mammona ma come Figli dell’Altissimo.

Vi stimo, vi ammiro e vi sostengo qualunque cosa stiate facendo.

Alessandro Baccaglini
Fonte: https://www.facebook.com/baccagliniperfectlove/